\\ Home Page : Articolo : Stampa
LE COPPIE DI FATTO, PACS O CHI PER ESSO
Di Alex (del 13/02/2007 @ 08:08:07, in SocietÓ, linkato 1192 volte)

Assurdo,
lo scontro prettamente politico che sta avvenendo contro questa legge sulle coppie di fatto tra Stato e Chiesa ha i contorni di una novella di Kafka..
I cattolici proprio come tali, non credo che potrebbero mai scegliere questo tipo di convivenza, per cui non corrono alcun rischio, i non cattolici, invece, la scelgono da anni, e lo stato è tenuto a prendere atto delle situazioni dei cittadini per eviscerarne la migliore gestione legislativa.
Non vedo quale sia il problema.

La Chiesa ha la coda di paglia credo, da anni ormai mi sento più cristiano e non solo che cattolico.
Il matrimonio cattolico ha acquistato tutte le caratteristiche di un rito per nulla spirituale, consumistico, capitalistico e totalmente ipocrita.
E' divenuto, a mio parere, molto più sobrio, interessante, emotivo ed in grado di fare sentire la vicinanza dei duo nuovi coniugi, il matrimonio civile, forse proprio per la situazione scarna, sobria e un po' avvilente che propone.

Certo, nulla vieta ad una istituzione importante come la Chiesa cattolica di valorizzare le scelte del suo credo; inoltre spesso si è cercato di tornare ad una spiritualità più vera e ad una vita più intensa, senza tutte le sovrastrutture borghesi, consumistiche.
Però credo che alla fine, sarà per i metodi, sarà per i modi, si sia riuscito solo ad assecondare i peggiori atteggiamenti borghesi, gretti e senza sentimenti veri.
credo invece, fermamente, che il messaggio de Vangelo fosse molto più intenso e rivoluzionario, che l'amore fosse ciò che doveva, da allora in poi, vincere in ogni scelta di vita.

Non le strutture, non le ragioni di stato, non le regole settarie, non le deformazioni di chi è in un ruolo di potere, ma l'amore spurio, profondo, pulito, che rispetta ciò che è sacro: la natura, gli esseri viventi, gli altri uomini per come sono.
Siamo molto lontani da quello, MOLTO.