Immagine
 neve... di Alex
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Alex (del 06/01/2008 @ 10:18:39, in Programmazione, linkato 6281 volte)

Sto lavorando (dall'11-03-2007) su di un progetto: organizzare gestori di siti in asp.
Ho elaborato alcuni filemanager in linguaggio asp vb con licenza free, in modo da trasformarli in pochi o unici files, quindi sono intervenuto sulla visualizzazione e la formattazione per migliorare gli strumenti di gestione e lista dei files...
In un caso ho anche unito due gestori onde ottenere anche la possibilità di intervenire sui files .mdb in remoto.

Vi segnalo 6 filemanager e 1 blog, tutti in ASPvb.

Su quattro di questi gestori di files sono intervenuto per ridurre i files da uploadare e per ottimizzarne il funzionamento magari aggiungendo, come indicato sopra, la galleria di immagini, e la possibilità di editare i file mdb e di editare tutti i file di testo.

Gli altri due li ho messi in quanto credo siano i migliori come grafica e funzionalità, ma sono piuttosto pesanti ed esulano dal lavoro su cui ho puntato: inviare un file su di un sito e potere subito dopo lavorarci, quasi senza alcuna installazione o configurazione.

Il blog è uno dei migliori come CMS: non necessita di particolari installazioni, funziona anche nelle sottocartelle! Meraviglia! Ha una grafica bellina e configurabile, anche se si deve intervenire sulle pagine direttamente, però è molto leggero pe cui in 10 minuti si ha un blog online senza pretese, ma ottimo!

Vi mostro alcune immagini:

siteman.asp ha vinto numerosi presmi, un solo file molto sicuro, con possibilità di editare tutti i file di testo, protetto da login windows o da password:

siteman

WebExplorer Lite con una grafica simpatica che però ho elaborato per renderla più visibile e un buon editor a popup (può rinominare e cancellare i files), è molto veloce nel caricare l'elenco dei files, sono riuscito a ridurlo ad un solo file eliminando tutte le immagini, pertanto risulta una piccola alternativa a siteman, senza poterlo eguagliare, ma andando un po' più veloce in presenza di cartelle molto piene.

wexlite

AspEdit molto rapido e semplice, su questo ho attivato una password di accesso e anche la possibilità di editare i file mdb MSaccess, ora è composto solo da 3 files, ha una pecca però nella navigazione, diciamo che è quasi manuale, occorre intervenire sull'url...!

aspedit

ecfm: Easy Content File Manager ecco uno dei due graficamente pompati su cui non sono intevenuto.

ecfm

Fuzzy Duck Explorer grande grafica, ma piuttosto pesante.

fuzzy

Filemanok questo in realtà è una serie di script recuperati dal sito di Mr. WebMaster, la sua peculiarità è che è molto insicuro, ossia nasce dall'idea di poter navigare le cartelle reali del computer locale, io l'ho elaborato per permettergli di editare i file, copiarli, eliminarli, navigare gli altri dischi e devo dire che in locale con Firefox funziona a meraviglia, in remoto sui server dipende dal loro grado di sicurezza, ma la sua grandezza sta nel fatto che è veramente piccolo: 14 files tra cui 5 immagini il tutto in 155kb, non male per un "concorrente" del grandioso Fileman asp, salvo che questo non necessita di alcuna installazione!!!!

filemanok

In ultimo ecco BPBlog (ovviamente è un cms per creare blog, non un filemanager), molto carino e funzionale, con anche la ricerca, tutto in 1,15 Mb di files zippati.

wikiblog

NB: Se qualcuno ha bisogno di questi programmi mi contatti.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 06/01/2008 @ 10:02:32, in dBlog, linkato 1923 volte)

Mi è stato necessario utilizzare più dblog sullo stesso dominio ed anche mettere il dblog non nella cartella iniziale.

In dettaglio, in forma di appunti, come spostare il dblog in cartelle del tutto differenti e farlo funzionare:

cerco all'interno dei file:

/dblog/
/mdb-database/
/public/

e sostituisco, ad esempio, con
/Pegaso2/dblog/
/Pegaso2/mdb-database/
/Pegaso2/public/

inoltre tutti i mappath con ../..
sono sostituiti con l'indirizzo web preciso senò in Aruba non funziano:
/public/Pegaso2/asp/...
sono in admin2
-> config.inc
-> articoli.asp
-> articolo.asp

di solito public non esiste, e le altre sono soprtattutto in dblog e sotto, e le cose da variare sono nell'intestazione del file dove vengono inclusi i files

NB il file: \mdb-database\inc_costanti_sistema.asp in cui sono inseriti i path di sistema poi richiamati!

Tutte le pagine ad elenco provocano un errore, va sostituita l'apertura:

da
Set RSArticoli = Server.CreateObject("ADODB.Recordset")
RSArticoli.Open SQLArticoli, Conn, 1, 3
a
Set RSArticoli = Server.CreateObject("ADODB.Recordset")
RSArticoli.Open SQLArticoli, Conn, 1, 1

NB il database lo sposto a mano nel file dblog/inc_db.asp e dblog/admin/inc_db.asp però poi non è richiamato correttamente dalle variabili di inc_costanti_sistema.asp ->
sposto il database dove si può scrivere, rielaboro i files che lo richiamano:
inc_db.asp in dblog e dblog/admin
e semmai cambio le impostazioni della dir in
mdb-database/inc_costanti_sistema.asp

FATE CAPO ALLA NOTEVOLE GUIDA ALLEGATA CON QUESTI RIFERIMENTI

Acor3 – http://www.acor3.it
dBlog CMS © Open Source - http://www.dblog.it
dBlog Forum - http://www.dblog.it/forum/

Mi sposto il Dblog

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 24/12/2007 @ 10:03:10, in Società, linkato 860 volte)
Many wishes to all
AUGURI A TUTTI.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 23/12/2007 @ 08:41:27, in Informatica, linkato 2147 volte)

All'inizio erano le sale giochi (1980-1986-1990) e ricordo galaga, krull, i pinguino che spingeva i cubvetti di ghiaccio ed infine un'astronave che si muoveva su tanti scenari, oltre a Interantional karate... bellissimi, ma costosi oltre che a rischio di ragazzetti bulletti che ti picchiavano se non gli cedevi il gioco...;

nel 1982/1983 il Commodore 64 e qui sia gli emulatori dei giochi "da bar", sia giochi bellissimi come 1942, in cui si doveva utilizzare strategia pe le allenaze e tatica sul campo di battaglia, oppure il fatidico Qix conm il pallino che correva sui bordi e la barra (mossa da strane formule matematiche) che cercava di colpirlo mentre disegnava sullo schermo i suoi quadrati. Il Commodore sfornava moltissimi giochi, sicuramente gli ultimi: l'RPG Dallas, Bruce Lee, Commando e gli RTS come quello che aveva tanti stadi, carrarmato, navi etc etc erano molto belli.
nel 1985 arriva il pc (386/486), ricordo soprattutto Ultima I II..., e monkey island

nel 1990 nasce internet in Italia e ricordo giochi come Total Annihilation, e il suo compagno "King..." bellissimi, così come warcraft fino al tre che ho giocato via web per anni nonostante il 56k, aggiungiamo HALO 1 su web e RPg, bellissimo

dal 2000 con l'ISDN e 2002-3 con l'adsl i giochi online diventano molto più interessanti, wracraft3, Battlefield 2, Lord of the Rings, battle for middle earth direi il migliore RTS ora in giro

2004 PSP direi che gli strategici qui sono un po' penosi, senz'altro buoni gli RPG (Battlefront) o a metà tra i due, buoni quelli a turni come il Signore degli anelli.

oggi 2007 i super PC con Oblivion, WOW e Battlefield, io non smetto di utilizzare l'RTS LOTR e Battlefield 2142 online.

Tra i giochi senza tempo, con grafica piacevle e struttura di gioco semplice ma efficace, molto longevi io metterei senz'altro due titoli:

Warrior Kings Battles (Empire interactive e Black cactus) e Total Annihilation (Halifax).
Il primo è un RTS 3d di ambientazione medioevale, l'unico con completa posibilità costruttva di azione e tre tipologie di linea produttiva, finora ne ho provati molti ma nessuno come questo per cui lo installo da sempre sui miei pc; inoltre le mappe sono casuali e l'IA non malaccio.
Il secondo è un RTS 2d di ambientazione ultrateconolgica, anche questo con possibilità assolute di costruzione ed azione sulla mappa; il gioco era talmente bello che ha provocato tre successivi cloni: spring3d (free giocabile online) la versione 3d per multiplayer; ta3d (free), la versione 3d per singleplayer creta da un francese, ancora in fase beta, ma già ottima; ed infine Supreme Commander (commerciale), una versione ricreata con proprie unità ed ambientazione simile, con una qualità 3d molto alta ed una buona giocabilità, anche se non apprezzo il fatto che sul mio pc con geforce 7600 RAM 1gb e CPU 2,2 non si riesca a giocare decentemente anche in risoluzione minore!

Inoltre tra gli RTS senz'altro aggiungerei tutti i Warcraft e non ultimo il 3, tuttora molto giocato online. Unico neo è che il gioco vale soprattutto in multiplayer, da soli è un po' noiso se non si fanno le campagne che invece sono il massimo come atmosfera e coinvolgimento. Non cito neppure quello online (WOW) perchè gli MMPORG non mi piacciono, li considero solo macchine per fare soldi e trovo stypido che ci sia differenza tra i vari giocatori a seconda del tempo di gioco, è presuntuoso e non democratico. Inoltre è troppo coinvolgente e rischia di fare perdere troppo tempo di vita reale, a me picciono i giochi che finiscono in 1 ora e posso fare quando ho tempo.

Infine non scordiamo:
i giochi di strategia stile Civilization, ora a versione IV, Imperial Glory, e Total War, i quali però mi hanno stufato presto.
Devo dire che invece i vari World Empire etc non mi entusiasmano, e anche Age of Empire ora al III non lo trrovo così dinamico.

Di altro genere, ma ormai un must per me gli ultimissimi:
gli RTS della sere Battle for Middle Earth, I, II IIwk che gioco tuttora tutti online e non solo, di ambientazione Signore degli anelli
mentre come RPS non ho mai smesso di utilizzare online e in single le varie versioni di Batllefield, da 1942 a vietnam al 2 a quello che ora utilizzo: 2142. Della stessa csa anche Meda of Honor, ricreazione della seconda guerra in single a campagna eccezionale, ma che una volta finita non è molto giocata online quindi ho venduto.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 16/12/2007 @ 10:25:07, in Racconti, linkato 1040 volte)

La stanza

 -Il ragazzo entrò nella stanza grigia, con una sola finestra della ragazza che diceva di vedere e di vivere nel nulla.

-Ciao-

-Ciao, io sono Amalia.-

-Io Alessandro.-

-Cosa vuoi ,Alessandro, da me?-

-Qual'è la tua malattia?-

-Io vedo il nulla-

-Portami con te.-

-Sei un ragazzo particolare Alessandro, nessuno mi aveva chiesto quello che tu mi chiedi-

-Anche tu sei particolare-

-oh si, ma di una solita particolarità, io sono abitualmente strana, mentre tu nella tua normalità di vita, sei invece particolare. Però hai bisogno di aiuto per esprimere le tue possibilità-

-allora vuoi aiutarmi?-

-tu cosa chiedi in cambio del fatto che io ti aiuti?-

Il ragazzo sorrise dolcemente

-di aiutare te-

-daccordo allora vieni con me-

La ragazza lo prese per mano e lo portò sul fondo della stanza completamente spoglia e grigia nel pavimento, nelle pareti e nel soffitto. Lui chiuse istintivamente gli occhi, ma mentre lei parlava non poté fermarsi dall'esprimere tutta la sua stanchezza con un grande sbadiglio

-sai io vedo il nulla ed il nulla è dentro di me...-

-allora tu sei parte del nulla più che vederlo proprio-

-sì, è bello come puoi comprendere anche se sei distratto ..., sei un ragazzo davvero particolare-

-vedi tu dici le cose come se sapessi tutto su di me, e quindi per questo puoi aiutarmi, ma se hai accettato che anch'io ti aiuti allora devi credere che anch'io sappia qualcosa di te-

-un ragionamento molto accurato e razionale, mio buon amico, e credo che in effetti tu abbia ragione; ora dimmi tu cosa fai quando senti il nulla-

-beh devo dire che tento di scacciarlo, usando il computer, guardando la televisione o... beh con il sesso-

-già, con il sesso, anch'io alle volte lo uso, vuoi provare?-

-no, ora no, voglio conoscere il nulla, non fuggirlo-

-già sei un ragazzo tutto di un pezzo-

-ma io veramente… non credo-

-sai è proprio questo il problema, non lo credi, ma lo sei comunque, devi avere più fede in te per viverti-

-sai mi chiedevo com'è questo nulla-

-già non è semplice, è solo… il nulla-

-ma come mai ogni tanto ci torni, se, come credo, non ti fa piacere-

-mi sono abituata così da bambina, sono stata spinta nel nulla, ed ora ci torno spesso-

-ah come diciamo se uno provasse una ciliegia amara, certo attorno ha tutte quelle dolci, ma pur se disgustoso prova il desiderio di riprovare quel gusto... diverso, e comincia a cercarlo, e garantisce così la sua indipendenza anche...-

-si esatto, vedo che capisci bene il nulla e cosa si prova, forse, anche tu...-

-beh no, a me non piace, ma l'ho provato, lo capisco-

-beh ci si abitua a mangiare queste ciliege e poi non si finisce più di cercarle e di riprovare quel gusto-

-sai io però non sono così perché ho trovato un'altra via.-

-cioè?-

-oltre alle ciliege amare e quelle dolci ne esiste un altro tipo, che anch'esso è raro, e non è così dolce come le solite, non si ferma al succo ed alla carne della ciliegia, ma contiene in se tutto l'albero ed altro ancora ed è magnifico provarlo…-

-hum…-

-...e anch'esso possiede le qualità della ciliegia amara, non è la solita ciliegia, è rara, ma è differente perché è, per così dire, “profonda”, e positiva; mentre quasi tutti tendono a mangiare solo le solite ciliege, e si fermano a quelle o perché non credono ad altro, o perché cercando hanno paura di trovare quella amara e preferiscono scordarsi della sua esistenza, di quello che provavano quando anche loro la cercavano (arrivando fino a chiudere nelle camere coloro che ancora la desiderano), oppure, infine, perché scelgono di rimanere alle ciliegie normali per la fatica che fanno a cercare qualcosa di più; alcuni fanno questa esperienza delle ciliegie “profonde”, diciamo così, e solo pochi poi decidono comunque di riprovarla a tutti i costi e non smettono di cercare, di ricordare e di tentare.-

-dunque qualcosa di simile ma opposto al nulla-

-si esatto-

Il ragazzo aprì gli occhi e si trovo' in un baratro nero come sospeso nel nulla, con a fianco la ragazza; pur spaventandosi all'inizio riprese però forza guardando la ragazza, essa gli disse

-vedi non esiste altro nel nulla-

Alessandro si guardò attorno:

-non è vero, anche il nulla è qualcosa, ed ora abbiamo persino un vantaggio, ora possiamo essere tranquilli e vivere quel qualcosa che siamo noi-

E le diede un bacio, a quel punto l'intero mondo del nulla si colorò di fiori e fantasie, di quadri, uccelli strani, palazzi: tutto ciò che abitava nella mente e nel cuore del ragazzo, perchè finchè siamo noi nel nulla allora quel posto è pieno di un mondo, che siamo noi stessi.

-tutto questo sei tu Alessandro-

Disse lei felice,

-ora posso capire ed esserci nel nulla.-

I ragazzi si baciarono ad occhi chiusi e quando li riaprirono erano di nuovo nella stanza, ma entrambi i loro cuori ora palpitavano di vita e la stanza non era più così grigia.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 16/12/2007 @ 10:21:18, in Racconti, linkato 964 volte)

La vendetta di Palios

Il ragazzo leggeva sdraiato sul letto, tra le coperte aggrovigliate ed il cuscino piegato alla bellemeglio dietro la testa.
Un bel libro, con carta patinata, bei disegni ed una grande mappa all'interno che disegnava le vie dei personaggi e le loro avventure. Ramion il nano e Lendil l'elfo uniti assieme ai loro popoli per la prima volta nella lotta per la sopravvivenza contro le armate nere, e il gruppo dei Cercatori, i rappresentanti dei vari popoli delle Terre Selvagge che cercheranno di sconfiggere il Mago Nero: Dwold, Eleanor, Mirmin, Allanon e Caino.
Il sonno cominciò a prendere il ragazzo che lottava per riuscire a finire la lettura, mancavano poche pagine, ma pian piano gli occhi si chiusero e le mani lasciarono scivolare il libro sulla coperta, mentre la copertina si slabbrava e mostrava il titolo del romanzo: "La vendetta di Palios".

Mi misi dietro l'angolo e aspettai, quando il mago alzò le mani per lanciare l'incantesimo... lo presi per i polsi e strinsi fino a farlo urlare, poi lo scagliai con tutta la mia forza contro gli alambicchi e il suo tavolo, egli cadde a terra distruggendone gran parte e mi guardò con stupore misto ad una strana paura.

Palios guardò quello sconosciuto, quell'essere che gli stava davanti, che aveva osato entrare nel suo laboratorio e che... c'era qualcosa di estremamente strano in quegli occhi, nella capigliatura, persino nel suo respiro... egli era... era un uomo r-e-a-l-e!!!
Come, come aveva fatto ad entrare in questa dimensione ?!
Annaspò col respiro per lo stupore ed il gelido terrore che lo prese. Se quell'essere conosceva il resto della storia avrebbe potuto anticiparlo in ogni mossa, finanche ucciderlo! Ma cosa diavolo ci faceva quel dannato lettore nella sua storia... Si costrinse a pensare. Come personaggio non aveva molte possibilità di sfuggire alla storia che l'autore aveva creato per lui, ma in questo caso non fronteggiava altre dimensioni fantastiche, si erano incontrate due dimensioni totalmente ed assolutamente incompatibili!
Tutti i personaggi vivono la loro trama pur essendo consapevoli nel profondo di tutto ciò che li circonda e che li ha creati, ma non sono poi molti quelli che sono costretti a squarciare quel velo e mostrare tutte le loro nudità al lettore!
Forse se si fosse costretto a seguire sì la storia, ma variando anche di poco gli avvenimenti....

Il mago aveva il volto deformato e sempre più sconvolto.

Mi rammarico solo di non avere letto fino in fondo il romanzo, mi sono addormentato con una enorme rabbia e con un grande desiderio di entrare e fermare quel dannato stregone da quattro soldi, ed ora SONO QUI! Posso toccarlo e fermare i suoi sporchi piani! Ora mi muovo e lo branco di nuovo.

-"Dannazione!"
Palios pensava alla sua situazione.
"Certo io sono il personaggio negativo della storia, ma ormai nella nostra epoca non esistono più personaggi tutti cattivi o tutti positivi, anch'io d'altronde ho le mie buone ragioni e le mie qualità, e so essere fedele ai miei alleati! Devo assolutamente spiegarglielo."

Il mago nero aprì la bocca, ma nessun suono ne uscì: era troppo lontano dal racconto che doveva svolgersi.
Nel frattempo gli eventi precipitavano, il gruppetto dei prodi, l'elfo, la ragazza, il giovane mago, il nano e l'antico signore, era riuscito a penetrare nel castello e stava per recuperare la pietra magica che avrebbe fermato le armate nere.
Palios avrebbe dovuto distruggerli con il suo potente incantesimo.

Il mago ripassava nella sua mente tutti gli avvenimenti accaduti negli altri volumi, in effetti questo era solo il quinto libro, ed il suo autore di solito si muoveva con sestilogìe di grande successo, non era giusto che lui non potesse avere il suo attimo di gloria. Il romanzo doveva finire con la sua vittoria! D'altronde non era una cosa poi così grave: ci doveva sempre essere un vincitore, per garantire la governabilità ed il senso degli avvenimenti, e nella storia umana si sa che si hanno periodi di grande libertà e felicità alternati con gravi tempi di violenze, sopraffazioni e dittature bagnate nel sangue dei sudditi. Palios era solo una pedina in questo gioco della necessità storica.

Nel passare accanto al tavolo delle magie, mi accorsi di un grosso pezzo di ferro usato per mescolare le pozioni acide, lo brancai con voluttà e decisi di passare all'azione.
Alzai il randello e lo brandii per colpire con tutta la forza quell'essere schifoso...

Non c'erano più tante possibilità... Palios annaspava con il cervello alla ricerca di una soluzione rapida, doveva, doveva esserci qualcosa... Neppure il racconto originario era poi tanto diverso intuì Palios con un improvviso ghigno di felicità, la spada del cavaliere era ora un randello di metallo, ed il finale vedeva l'unico superstite del gruppo con la mano bruciata dall'antica spada resa incandescente!

"Cavolo! " mi sono svegliato urlando, guardo la mia mano per un attimo, è rossa e gonfia, ma non perdo tempo e mi butto sul libro abbandonato a terra vicino al letto usando la luce fioca del lampione sotto casa, mi manca solo l'ultima pagina.

Il mago alzò le mani al cielo...

1-, una strana luce si fece strada nei suoi occhi e un sorriso comparve, lievissimo, sul suo viso. Rimase per un po' a pensare mentre accostava le mani al petto ed osservava intensamente fuori dal pertugio.
Lontano Ramion e Lendil concentrarono la loro attenzione sull'enorme quantità di armate nere che stavano riempiendo la valle, sarebbe stato impossibile, anche con tutti quei macchinari inventati dai nani, fermarli tutti. Mentre la polvere copriva i lati delle colline, Ramion lanciò un'occhiata in lontananza, tra la bruma si scorgeva una nera torre che sovrastava la pianura bruciata, là, forse, i suoi amici avevano trovato la morte, ed il nero mago stava per lanciare l'ultimo incantesimo.
Palios si scosse, ora sapeva cosa fare. Raccolse da terra il pezzo di ferro e sussurrando alcune parole lo trasformò in un materiale elastico, quindi lo plasmò con forza e con un tocco lo trasformò in un pregevole scettro di metallo. Aprì una porticina sul muro e scese rapidamente le scale profonde.
Eleonor brandì la spada con entrambe le mani ed urlò con tutto il fiato contro il drago. Dwolf fece appena in tempo a scansare la coda enorme e a scivolare tra due rocce della parete nascondendosi nell'oscurità. Mirmin scagliò la sua ultima freccia dorata colpendo la bestia all'occhio sinistro e permettendo ad Allanon di recuperare la spada.
"Eleonor prendi Mirmin e raggiungi Dwolf sulla parete!"
Allanon urlava per superare il rumore assordante del respiro del drago, e intanto cercava con gli occhi dove era finito il giovane mago. Quando li vide tutti e quattro uniti vicino all'uscita spiccò con un fendente una delle squame dorsali del mostro e si mise a correre dalla parte opposta per compiere in fretta il resto del cerchio, mentre teneva lo sguardo fisso sugli amici.
Palios raggiunse la tana del drago per il passaggio segreto sotto la torre. Quando gli occhi si furono ambientati all'oscurità distinse il gruppetto che tentava di scalare la parete per tornare all'uscita, Dworf teneva con cura nella mano la pietra del destino ed Eleonor lo aiutava nella salita. Li guardò con una strana voglia di ridere, poi si voltò di scatto verso il drago che stava per lanciare la sua fiamma sul gruppo.
"Azka Thka!"
Il drago chiuse le sue fauci e si piegò al volere di quelle parole pronunciate con autorità.
Eleonor lasciò il vecchio nano e si lanciò verso il mago, ma prima di raggiungerlo fu presa e sollevata da una forza invisibile. Caino, che fino ad allora era stato come in trance per recuperare la sua energia, aprì gli occhi di scatto e pronunciò con grande forza nove delle dieci parole dell'incantesimo, ma alla decima la bocca si bloccò come in una risata senza voce. Mentre l'elfo prendeva la mira con la sua fionda Allanon fece suonare la sua voce profonda:
"Basta Mirmin, aiuta Dworf a scendere dalla roccia, se il signore delle tenebre ha bloccato il drago e non ci ha ancora ucciso pur avendoci scoperto non credo che lo farà proprio adesso."
"Giusto, mio caro Allanon, non sono qui per combattere, ma per parlare, se me lo permettete."
Con un gesto della mano fece scendere Eleonor e lasciò le mascelle di Caino.
"Non fidarti Allanon! Potrebbe essere solo un gioco per lui!" urlò Eleonor appena posati i piedi sulla roccia.
"Ha ragione Allanon, se avessi voluto cancellarvi avrei potuto farlo già da tempo, sapevate che in questo castello i miei poteri sono illimitati, e niente può fermarmi, ma non sono qui per gloriarmi." Allanon posò la spada nel fodero e si avvicinò al mago nero.
"Questo è tuo, se sei disposto a fare un accordo." Palios porse lo scettro al cavaliere e lasciò cadere le sue difese magiche per permettere ad Allanon di prenderlo.
"Quale sono le tue condizioni?" chiese Allanon.
"Nessuna in particolare e tutto in generale. Sono disposto a ritirare ogni pretesa sulle terre mediane, ed a contribuire alla rinascita di Turnin, distrutta dalle mie armate, ma in cambio voi mi lascerete il mio castello e le Terre Bruciate attorno, affinché possa continuare i miei studi e affinare la mia arte." Allanon guardò i suoi compagni esterrefatti, ma duri nello sguardo e nel viso.
"E riguardo alla pietra?"
"Potrà restare nelle vostre mani ed essere utilizzata per la ricostruzione delle Terre Selvagge, ma non dovrete mai portarla o dirigerla verso i miei territori. Per quanto riguarda il resto vi do un unico consiglio, affrettate il vostro ritorno e badate di non tralasciare nulla nella istruzione dei vostri figli, io credo di avere avuto un'esperienza interessante in questo ultimo incontro, ma non posso garantirvi che le nostre vite non si incontreranno e non porteranno a termine quello che era stato scritto per loro un tempo."
Con un rapido fruscìo del mantello scuro Palios scomparve lasciando Allanon e i suoi compagni testimoni di un incredibile finale.
FINE 1

2-, pronunciò la parola magica e si udì un grande boato, fumo azzurro si sparse dalla fiamma sempre accesa del forno...
Allanon corse per i corridoi come preso da furore, le lacrime gli annebbiavano la vista ed ogni muscolo gemeva come se stesse per strapparsi. I suoi amici, tutti i suoi compagni erano scomparsi in una nuvola di fumo nero, la pietra era ancora saldamente nelle grinfie del drago, tutto era perso. Ma un grande furore, un desiderio folle gli prendeva il cuore: lottare fino all'ultimo e strappare il cuore al mago, anche se nulla avesse potuto con la sua sola spada. Giunse in cima alla torre mentre si diradava lentamente la nube azzurrina, il mago era sdraiato a terra, con la testa appoggiata al muro e sogghignava con una luce maligna negli occhi, era troppo contento di quella liberazione, Allanon non si fermò un solo istante e seguendo il suo destino di cavaliere balzò davanti a Palios e gli immerse la spada nel cuore.
FINE 2

 
I diritti dei testi pubblicati sono protetti da Copyright©, ogni riproduzione anche parziale deve essere AUTORIZZATA, ogni infrazione sarà denunciata e perseguitata legalmente.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 08/12/2007 @ 16:13:18, in Informatica, linkato 855 volte)

Windows Mobile, Palm os o Symbian questo è il problema?

Premetto che non faccio menzione di sistemi come quello sui Blackberry poichè non  lo conosco.

Il mio utilizzo dell'Eten, del Casio ed infine dellHTC, così come deivari Treo ed infine del Communicator e del 3650 mi ha permesso di giungere a queste considerazioni:

Symbian e Plam Os sono più stabili, anxche se il loop di sistema per un errore di software d'avvio è sempre possibile si riesce correttamente anche a ripristinare il sistema.
Windows Mobile è decisamente complesso e quindi instabile, inoltre non sono mai riuscito a ripristinarlo corretamente, senza cioè che manacassero ad esempio tutte le abilitazioni dei programmi.

Symbian e Windows Mobile sono ingrado di stare al passo con le innovazioni hardware (WiFi e GPS), Palm os finora è rimasto indietro, forse con la Access che lo elabora e la nuova versione che ingloba sistemi linux supererà qusto gap, ma per ora nessun palmare Palmos posseide quele parti hardware proprio per questo motivo.

Il sistema Symbian è strutturato per essere gestito solo via menu, in quanto pochissimi podotti nokia sono touchscreen, la cosa rende però laboriosissimo utilizzare programmi che con un sistema di puntamento sarebbero sempicissimi.  Il sofware disponibile è molto potente, ad esempio per gestire fotocamere o altri hardware (sistemi di rilevamento visivo per la fotocamera o di profili attivabili a seconda della cella gsm che si utilizza non li ho mai visti su altri sistemi anche se c'erano già 5 anni fa!). Pecca un po' nlla gestione e modifica dei documenti office o nella lettura degli ebook, ottimo invece per i multimedia. I giochi sono buoni, ma quasi solo d'azione: quasi impossibile realizzare un RTS con 5 tasti di spostamento (vedi la PSP). La navigazione web è buona anche se non la migliore.

 Il sistema Palm OS, che devo dire è notevolemnte migliorato sul Treo 680, molto più stabile e con errori più radi anche se maggiormente lento, dispone di una dotazione software incredibile, i giochi sono di basso livello grafico, ma esistono ottimi RTS e RPG, sul campo editor e ebook è prefetto, e si difende bene anche a livello multimedia, anche se i video sullo schermo 320x320 sono piccolini.
La gestione dei documenti office e la sincronizzazione è eccezionale. Meno bene però la navigazione: mancano dei browser stabili e che sappiano mostrare bene tutti i tipi di pagine web.

Il sistema Windows Mobile, è compicato, sembra davvero  un poket pc, ma per realizzare un'operazione occorre cliccare cinque o sei volte e più, per raggiungere l'icona, per avviare le funzioni, per chiudere il programma, per richiudere le cartelle, per chiudere davvero i programma rimasto in background... E' il sistema più macchinoso mai utilzzato su palmare, anche solo per rispondere al telefono è un traffico se stai facendo altro e intanto tutto rimane in memoria o si impalla! Dovrebbero pensare dei pulsanti e dei comandi più rapidi, per ora è assolutamente antirapido e in contrasto con la base palmare della faccenda che dovrebbe risultare appunto di utilizzo immediato. Neppure Xp è così complesso, mentre mi ricorda un po' la macchinosità di certi Linux.
Come software siamo al massimo, completi, di altissima grafica, ben interfacciati con i loro colleghi su pc.
Per gestire i documenti office siamo dal papà quindi nessun problema, lo stesso per gli ebook, un po' più macchinoso e instabile la gestione dei media, ma accettabile, la navigazione è il massimo consentito su di un palmare visto che anche qui troviamo il padre di tutti i browser, mentre i giochi sono ottimi e di buona garfica, con RTS grandiosi e RPG altrettanto.


Rilevo però una grave situazione nell'HTC: spesso perde la lettura della scheda di memoria o la legge non correttamente inficiando l'utilizzo dei programmi, molto grave!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 07/12/2007 @ 22:29:55, in Società, linkato 774 volte)

Ho visto "Sostiene Pereira", film strano, dolce-amaro, piacevole pur parlando del Portogallo Franchista devo dire che non l'ho sentito lontano dalla sensazione che mi trasmette questa epoca.

Non sono riuscito, in queste settimane, a scrivere alcune righe su di un fatto che mi è accaduto.
Sul finire dell'estate (settembre credo) mi è capitato di essere su di un treno che ha investito qualcuno che volontariamente si trovava sui binari.
Come pendolare mi è già capitato di vedere un corpo in un sacco azzurro venire tolto dai binari mentre si cospargeva il perimetro con la calce viva, così vom mi è capitato di sentire che i lmotivo dei ritardi era un "investimento", ma finora mai era capitato di essere sulla prima carrozza al momento dell'impatto..
E' stato molto sconvolgente, era un amattina di settembre, calda e soleggiata, verso le 9, tra Reggio Emilia e Parma; non è strano volersi suicidare di mattina, con i sole?
Ma inoltre non è strano che mai una sola volta si veda un articolo citare questi suicidi cercando di spiegare le motivazioni?
Si parla di chi viene ucciso, di chi muore in un incidente stradale o per negligenza medica, ma mai dei suicidi.
Sotto sotto questa società liberale e liberista, laica e consumista non vuole che si sappia o non vuole sapere che alcuni si trovano male, che alcuni non riescono a superare la depressione che le situazioni della vita gli pongono davanti.

Vi rendete conto che le persone continuamente giocano? Che tutti si vantano di chi conoscono, di chi possono contattare per chiedere un favore, di quello che valgono nella considerazione degli altri, di quanto gli piacerebbe essere belli e potenti come i vip, del lavoro borghese danaroso che faranno da grandi e così via?
I film, i giornali, le riviste, i programmi televisivi trasmettono vari messaggi specifici, ma sopratutto, oltre all'idea che la scienza è compagna del progresso e l'unico strumento per sopravvivere e mantenere la supremazia, il fatto che tutto gira attorno all'uomo.
Questa visione umanocentrica non è quella umanistica in cui l'uomo si scopre microcosmo del macrocosmo, ma l'assurda senzazione che nella realtà, nella storia, nel quotidiano esistano solo le cose degli uomini, solo gli uomini possano costruire la storia degli altri uomini, che il potere sia solo umano, solo umana la conoscenza, la libertà, la vita, la ricchezza. Che aberrazione submentale! Chiunque viva un dramma vero, accettando di subirne le conseguenze intere per accettarne anche gli insegnamenti si rende conto dell'assurdità di tutto questo: la morte di un parente od un amico, una grave malattia; oppure anche situazioni di vita reale: un prato, il mare, la forza della natura, ... Certo chi ha un po' di coscienza sua o è entrato in contattatto con delle dimensioni spirirtuali complesse, come la preghiera vera (non certo il recitare delle parole), la meditazione, la comunione tra due anime, oppure ha sperimentato di concetti come la percezione della vita della natura, delle forze esoteriche o solo dei ragionamenti filosofici, occidentali ma soprattutto orientali, non fa fatica a concepire questo.
Ma gli altri?
Chi ha vissuto davvero delle esperienze forti scavandone il significato?
Chi ha ragionato sul fatto che tutto ciò che ci circonda è vivo, dalle pietre alle piante al vento, e che quindi per partecipare alla vita basta eistere e sentire ed è solo in più che uno lo faccia lavorando, compiacendo il capo o il cliente, giocando i giochini del potere, facendo la spesa, girando in auto o sfruttando una volta di più quegli strumenti tecnoclogici che in fondo sono utili solo a questa finta convenzione della società umana ed invece ci allontanano sempre più dalla vita reale provocando spesso morte e freddi movimenti di macchinari (anche se forse neppure questi sono esenti da influssi vitali), costui non avrà dubbio su ciò che ho detto.
Purtroppo però sono molto di più coloro che non riescono ad uscire dal gioco delle belle statuine, delle visioni syile Matrix,  in cui tutto è pensato da un'entità pseudoumana, come il dio con la barba di cattolica memoria.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 06/12/2007 @ 10:22:05, in Politica, linkato 772 volte)
Nulla si può dire se non che sotto sotto ha pienamente ragione: la sinistra al governo non è la sinistra come dovrebbe essere, non ha combattuto i poteri forti, le lobby e la modalità becera capitalistico/consumista che mette tutto nell'ordine del profitto e del potere. Per quanto le scelte fatte siano state molto più interessanti di quelle Berluskoniane, (neppure di destra, ma solo e univocamente concertate con i propri interessi e quelli di altri 10 o 11...), non si può dire che ci sia stata un'inversione di tendenza evidente e i grado di dare spazio ad un po' di speranza per un paese piuttosto sfasciato.
Andate a vedere come si vive al nord d'Europa, in qualsiasi paese e noterete la differenza...
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alex (del 06/12/2007 @ 10:03:09, in Società, linkato 909 volte)

La lingua è quella italiana unita al dialetto di Parma.
Chiedo scusa visto che non so scrivere in questo dialetto, lo conosco solo un po' parlato.

  • estàt ed confusiòn -> "stato di confusione" quando le persone sono esagitate
  • furòb é, al cojon! -> "furbo è il coglione", quando qualcuno opera sembrando di essere perfettamente competente nel fare una cavolata e ci marcia anche...
  • che ridòr, che teator, eravam in tri e parevam in quatòr -> "che ridere, che teatro, eravamo in tre ma sembravamo in quattro", quando si fa molta confusione per ualche motivo futile
  • insomma, lei chi è, me lo dica per favore -> se qualcuno diceva esasperato 'insomma!' credo citasse un'opera per rispondere in quanto era una risposta cadenzata con ritmi musicali
  • merda! majnla! -> "mangial" se qualcuno usava quella parola, lui rispondeva così, infastidito
  • basta tén sò il man -> "basta tieni giù le mani", se qualcuno era molto nervoso o arrabbiato, anche con lui, ti smontava in questo modo
  • bandiera vecchia onor di capitano (era mia nonna a dirlo) -> quando ci si affeziona ad un vestito e lo si utilizza anche se un po' liso
  • Vole vu parplasir venir a magnèr -> "vuoi, per piacere, venire e mangiare?" che in dialetto parmigiano sarebbe 'at vòl venìr a magnèr?', si ricordi che il francese era, ad inizio 1900, la lingua base che richiamava la bella epoque, per cui richiamava un parlare di alto livello, raffinato, quindi abbinandolo al finale in parmigiano (dilaetto che Dante considerava così volgare da essere adatto alle prostitute) il contrasto creava un effetto divertente, ancor di più se si aggiungeva la frase per mandare a cagare...

 

Appena posso e mi ricordo ne aggiungerò altri a questo post.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
 Email

 SITO PROFESSIONALE

 FORUM INFORMATICO

 PROGRAMMI ASP FREE

Articoli sul Palm/HP Pre  e WebOs  e PrePlus  e Pre2

Articoli sull'Iphone

Articoli su Android

 Guide informatiche


Cerca per parola chiave
 






< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Titolo
Architettura (4)
Arte (6)
Consigli tecnici (26)
dBlog (3)
Help Informatico (29)
Informatica (55)
Molly (2)
Poesie (4)
Politica (42)
Programmazione (1)
Racconti (6)
Società (115)


Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Download site
16/06/2019 @ 08:54:42
Di Bettina
Download site
20/05/2019 @ 15:47:04
Di Danuta
EricBig
13/12/2018 @ 05:17:47
Di Meagan
prt scr software
27/11/2018 @ 17:10:49
Di Gay
youngLauri
17/11/2018 @ 20:28:32
Di Arlene

Titolo
Vecchia Homepage di Pegaso2 (saggi, informatica, artisti)
Saggi sul 1600 (cronologia, erotismo, storia)
(Augusto Orsini, opere)
(artisti incontrati sulla mia strada)
Blog di Luca Lodi (cultura, società e politica)
Beppe Grillo (qualcuno c'è che ci pensa)
Jacopo Fo (se si vuole essere spinti a pensare)
Nando Dalla Chiesa (la politica interessante e sincera)
SaggezzaFolle (Marco Valli e la ricerca di ognuno di noi)
Blog Zibibì (Le vignette e le frasi sarcastiche di Zibibì)
Il mio canale YOUTUBE
Le mie foto su FLICKR
Il mio profilo LinkedIn
dBlog.it Open Source

Titolo
Architettura (4)
Bianco e nero (1)
Header (5)
Paesaggi (3)
Varie (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Cosa vorresti in questo Blog?

 Più aiuti informatici
 Più post di politica
 Più recensioni di hardware
 Più commenti
 Più colore
 Più foto
 Testi più chiari
 Più accessi
 Dei file per il download
 Un nome diverso

Titolo



Previsioni Meteo


Google

Ci sono  persone collegate

26/06/2019 @ 22:29:39
script eseguito in 176 ms


Valid XHTML 1.0 / CSS

Condividi su Facebook

Pegaso2 blog

Zibibi Blog



Telejato

Peppino Impastato



Free Blogger

Profilo Facebook di Alessandro Mazzoli