Immagine
 alba... di Alex
 
"
Oggi la gente sembra guardare alla vita come a una speculazione. Non è una speculazione, è un sacramento. Il suo ideale è l'amore, la sua purificazione è il sacrificio

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per Palm Pre

Di Alex (del 22/01/2011 @ 22:51:33 in Informatica, linkato 896 volte)
A questo punto devo dire che nel confronto, che ora posso fare, è vero chel'Iphone 3gs è veloce e la sua struttura compatta e di grande design.
Ma dopo varie disavventure devo dire che alivello software basta un nonnulla per incasinare il sistema iOS, il GPS è lentissimo e basta poco per non farlo pù funzionare.
Se il melafonino cade potete dire addio ad almeno una funzione, quando non capita che lo stesso sisetma si blocchi e non ci sia più modo di utilizzarlo.
Considerando il prezzo medio NON CI SIAMO:

Il Palm Pre (nemmeno Plus) è più lento, ha las cocca piacevole, ma con una plastica più cedevole, ha avuto versioni del firmware non proprio perfette, MA:
  1. il GPS ora (1.4.5) è superbo e si aggancia in pochi secondi!
  2. può cadere senza problemi e anche se si graffia le parti hardware funzionano benissmo anche dopo e lo stesso per il sistema (questo anche con i Treo) e lo posso dire per esperienza (almeno 5 cadute con rovinatura della scocca), forse lavora anche il fatto che il peso è quasi la metà e potendo sostituire la batteria la struttura non è uhn tuttuno, ma ha dei vuoti che fanno da cuscinetto.
  3. le aggiunte e le elbaorazioni del software davvero aperto webos può creare dei riavvii, ma non crea dei mostri come gi Iphone che si bloccano sul ripsristino o che creano errori continui al ripristino. Tra l'altro, nel tempo, anche se rimane il problema di un vero ripristino del webos, dei dati e delle applicazioni (con i progressi), ancora non suipportato, dev o dire che la totale autonomia del Palm Pre dal PC per il suo funzionamento e gli aggiornmenti è fenomenale.
 
Di Alex (del 10/12/2010 @ 22:21:59 in Consigli tecnici, linkato 1565 volte)
Stasera ho utilizzato per la prima volta, appieno, il software navigatore Navit su Palm Pre.
La sua installazione è semplice come Homebrew, un po' più complesso creare la mappa offline, che può comunque essere selezionata oppure scaricata già pronta.
Devo dire che, pur avendo la voce ben robotica (però esiste l'italiano!) e le immagini approssimative, il GPS accede molto velocemente se è attiva la rete dati, le strade sono complete per tutta Italia, e alla fine tutto funziona come con TomTom! Grande WebOs App!

Riguardo invece la mancanza di Classic nel Webos 2, questo è grave, devo dire che le applicazioni palm os nell'emulatore vanno velocissime,
il PalmVNC è velocissimo e preciso, mentre la versione webos è apprissimativa, lenta e spesso con Vista si blocca
il filemanager Resco exlporer è grandioso e accede tranquillamente e molto velocemente ai dischi di rete su wifi, permettendo di scaricare file anche grossi sul Pre, cosa che neppure i filemanager Iphone permettono senza applicazioni da installare sul pc
il software TomTom funziona bene, peccato però che non possa accedere al GPS, su mia domanda la MoptionApps ha risposto che non era possibile accedere a questi dati dall'emulatore...
CorePlayer poi è grandioso, magari comunque un po' lento, ma permette di vedere film interi in divx, avi, mpg cosa che neppure vlc per Iphone permette in maniera gradevole...
Senza parlare di Documents to go, che può comunque allineare i documenti e modificarli per bene!
Non esistono questi software neppure a pagamento e non a quella velocità! Neppure l'Iphone può vantare strumenti del genere al livello che avevano raggiunto sotto PalmOs... Quindi tralasciare l'emulatore Classic nella versione 2.0 è un bel autogol!

Una nota sul la sezione touch del Palm Plus e del Pixi Plus (e Palm Pre 2), mentre il tasto/led del Pre normale evita che toccando applicazioni che necessitano azioni vicino al bordo le stesse si mettano in pausa, nelle nuove versioni e specie nel piccolo schermo del Pixi la cosa è fastidiosissima!

Non posso darvi dettagli dell'Iphone 4 in quanto nonostante abbia vinto un'asta il 17/10/2010 un certo Giorgio C. rispondente al soprannome ebay darietto69, ha ricevuto il 20/10/2010 il mio bonifico, poi mi ha pre tre volte detto che aveva problemi ma mi spediva il pacco, e ora, dopo due mesi ancora non ha spedito nulla, eppure aveva tuttti i feedback positivi! Non fate affari con lui!
 
Di Alex (del 26/02/2011 @ 21:40:02 in Informatica, linkato 1816 volte)

Una settimana fa sono riuscito ad aggiornare un Palm Pre Plus di origine O2 germanica alla versione WebOS 2.1.0.La cosa si può fare solo scaricando la WebosDoctor corrispondente.

Tra i pochi fortunati europei e soprattutto italiani! (In USA i Pre 2 montano una 2 precedente, i Pre e i Pixi non si potranno aggornare, nessun aggionamento ancora per i Plus americani...)

L'os è molto più veloce, anche se è vero che rispetto al Pre e al Pre Plus francese, non monta tanti programmi e tantomeno Patch (ancora non ne esistono praticamente per Os 2)...

Devo dire che risulta comodo, veloce e piacevole. Si apre bene e "montare " le applicazioni aperte in ventagli è piacevole e comodo.

Pre Plus con Os 2.1.0
 

Nuove applicazioni:

  • Digitazione vocale: chiamare i contatti della Rubrica con la voce, funziona egregiamente senza impostazoini e anche in italiano!
  • Quickoffice: disponibile su Preware, ma ora inserito come visualizzatore al posto di Doctogo
  • Account: per gestire gli account tutti assieme, con aggiunta di Photobucket, Youtube e possibilità di aggiungere tipologie di account che si aggiornano online in automatico, come già specifico nel Pre
  • Gestore software: aggiorna il software da solo come notifica push
  • Esercitazione movimenti: ovvio...
  • VPN: collegamento sicuro con il PC
  • Eposizione: la famosa nuova funzione per creare presentazioni mente il Pre è sul Touchstone a ricaricarsi
  • Assistenza testo: per gestire il vocabolario di aiuto, veramente bello.

Tra l'altro la cosa che impressiona è che pur avendo aggiornato, per ora, alla 2.1.0 solo i telefoni tedeschi della O2, e non avendo da sempre venditori in Italia questa versione ha tutto in italiano!

Preware si installa senza problemi dopo aver attivato il developer mode (con webos20090606 digitato), tra l'altro nell'os 2 non richiede il riavvio, quindi si scarica la webosdoctor 2.0 e la si pare (per aggionare i driver novacom) quindi si scarica il jar del Preware PrewareInstaller-1.5.0 e lo si avvia installandolovia USB sul Pre Plus 2.1.0.

Molti programmi funzionano tranquillamente, ma esistono poche applicazioni pronte per 2.1.0 ed alcune non possono essere installate, inoltre pochissime patch.

Attendiamo e intanto proviamo.

 
Di Alex (del 12/10/2011 @ 21:32:09 in Racconti, linkato 2246 volte)

Tangeri La terrazza dei Pigri Tangeri Museo Tangeri Museo

Tangeri
è sporca e vecchia, la periferia ha una spinta al rinnovamento, ma con gusto, solo che è talmente in contrasto con la Medina (città vecchia) da risultare finta, come Gardaland.
Tangeri sembra una vecchia prostituta sfruttata fino in fondo, ha il fascino del decadente e dei bassifondi tipici di un porto.
Arrivare in pieno Ramadan e in una città così povera è un salto difficile, ma già il secondo giorno ci si abitua ai venditori, alle puzze e agli odori, ai suoni (i muezin con gli altoparlanti) e ai palazzi decadenti.
Il cibo è ottimo e vi sono alcune situazioni di rara bellezza, come prendere un the alla menta nel caffè centrale della Medina, dove ti sembra stia per arrivare uno di quegli scrittori fine ottocento, con il cappello di paglia e il lapis.
L'Hotel l'Ile Verte è accogliente e con stanze comode e abbastanza fresche.

Nella nuovissima stazione prendiamo un treno niente male dove ci immergiamo nella vita quotidiana delle famiglie del Marocco, dove salta all'occhio la fatica per il Ramadan e la diversa considerazione per uomini e donne già da bambini!

Marrakesh la Torre Koutoubia Marrakesh Tombe Sa'didi Marrakesh Medina

Marrakesh è una sorpresa, arriviamo in un albergo in centro, e dalla terrazza sentiamo i Muezin che salmodiano la pausa del Ramadan, assieme alla luna e ai tetti della città, seduto sui mordbidi cuscini sembra davvero una notte da mille e una...
La piazza centrale è un tripudio di suoni e colori, peccato per le bancarelle numerate e la luce elettrica.
Il caldo non permette il sonno nella cameretta del piccolo, ma accogliente, hotel Imouzzer, simile ad uno ostello, pieno di viaggiatori.
Si lascia aperta anche la porta, e dopo il momento di condivisone notturno dei turisti in terrazza alle 3 di notte la magica atmosfera del Muezin e della popolazione che assieme pregano per l'inizio della nuova giornata di Ramadan.
In Europa nonostante tutto i momenti di condivisione sociale si sono ridotti a Natale e qualche festa nazionale, che povertà.
I suk sono affascinanti, pieni di cose diverse tutte insieme, coperti dal sole e con una patina di antico e decadenza tutti loro. Mangiamo su di una terrazza, in parte coperta da vetri colorati, con sedie di ferro battuto e poltroncine molto eleganti, attorniati da gatti e con la vista sulla vecchia moschea e un muro pericolante sormontato da un nido di cicogne, che attendono pigramente al sole.

Marrakesh Terrazze


La visita alla città antica mostra vie piene di gente, antichi muri di terra che hanno resistito al tempo e vestigia di opulenza antica. Sempre bellissime le decorazioni geometriche arabe, intagliate nel legno, dipinte, con la ceramica o nella pietra e nel marmo, i famosi arabeschi di una cultura che era senz'altro molto avanti allora.

Il pullman ci trasporta per vie inerpicate sull'alto Atlante, tra valli rigogliossime per la presenza dell'acqua e terreni sassosi e desolati, fino alla porta del deserto: Ouarzazate. Oramai abbiamo lasciato il Marocco del Nord e della storia per entrare nel Marocco antico e profondo dei Berberi, gli Amazir (Amazigh), il popolo libero o nobile, gli uomini blu.
Più tranquillo, più ospitale, più sorridente, nonstante il Ramadan e il caldo.

L'arrivo a Ouarzazate con il caldo torrido delle 2 e il secco che toglieva il fiato è stato pesante, però l'hotel Bab Sahara (porta del deserto) nella piazza cebtrale, con una camera finalmente ampia e il bagno la vasca, è stato una salvezza. Ho potuto anche utilizzare il wifi!
Verso sera, dopo la pausa del Ramadan, una sorpresa: la piazza si anima di autoctoni con piccolo mercato e concerto fino a tarda notte, con tanto di incantatori di serpenti e presentatore.
Per essere un piccola città alle porte del deserto niente male!
Poi il giro turistico!
Il titolare dell'Hotel ci ha indirizzato al Royal, famoso appunto x i giri turistici.

Valle dei fichi, Dadès

Partiamo in pulmino assieme ad una coppia di fantastici ragazzi baschi e una simpaticissima coreana. Hassan ci dice cosa fare per gesti mentre si ferma in vari punti, dobbiamo camminare tra le piantagioni dei fiumi per vedere rovine e conoscere il posto. Nonostante il caldo la compagnia aiuta.
Vediamo varie valli fino alla Valle dei Fichi (poco lontano da Boumalne Dades), l'hotel è bellissimo, in una vallata rigogliosa da cui si vedono delle formazioni rocciose stranissime, una montagna scavata dall'acqua e divisa in formazioni rotondeggianti ed un castello medioevale.
La nostra giovane guida ci porta nel canale scavato dall'acqua e lo risaliamo a piedo fino a scalare una parte e trovarci sul crinale al tramonto: uno spettacolo da rimanere senza fiato.
La sera cena berbera con salse, frutta, gli immancabili datteri e le onnipresenti olive, la serata si conclude con una divertente partita a carte in terrazza con tutta la conbriccola.

L'indomani si parte alla volta di Merzouga, il viaggio è lungo e spossante, con qualche pausa, verso sera si arriva nella strada sterrata, alcuni kilometri di sobbalzi e finalmente si arriva ad una Kasba (castello) a cui piedi la terra secca si trasforma come per incanto in sabbia, e dune desertiche, senza soluzione di continuità.
Mentre sole scende, e dopo un'accoglienza con il The verde caldissimo, mentre si festeggia la pausa del Ramadan nella casa, non resisto a salire sulla prima dunetta ed a contemplare le prime dune vere.
Poco dopo, a sorpresa, si avvicina un ragazzo con il turbante e ci chiede se siamo pronti.
Oramai alla luce della luna ci porta 5 dromedari che poi fa sedere con un suono, facendoci salire sulle selle coperte da un tappeto.
Il dromedario è un animale affascinante con questo lunghissimo collo, sono alti almeno due metri, procedono legati per creare la carovana, davanti il primo è guidato dal loro domatore che procede a piedi.
Hanno teste lunghe e occhi grandi, le zampe si piegano molto agevolmente e terminano in due dita elastiche, come gli zoccoli dei cavalli, ma mobili e, credo, più morbide, onde poter sprofondare senza problemi nelle sabbie del Sahara.

Il sole sulle Dune del Sahara

Si procede alla sola luce della luna tra le dune sempre diverse, costellate di ciuffi secchi.
Il calore accumulato dalla sabbia si espande dal basso.
Dopo due ore intravediamo una luce tra le dune, alcune tende di teli e tappeti in una conca ai piedi di un erg molto alto.
Si cena con formaggi, frutta, pane, marmellate, sdraiati su cuscini posti su un tappeto, si conclude la serata raccontando e risolvendo indovinelli, 10km nel deserto, sotto la luna, che ci vede anche addormentarci all'aperto, tra scarabacho che gironzolano e gatti bianchi.
La mattina alle 5 ci si alza per vedere l'alba, ma salire le dune è molto più difficile di quanto credessi, la sabbia cede e si corre il rischio di scivolare fin giù.
Le dune, con il sole, prendono la loro configurazione più affascinante, curve dolci e creste nette che il sole colpisce riempiendo le anse di chiari e scuri.
Il deserto attira con il suo silenzio e la sua peculiarità.
Il vento soffia sollevando ciuffi di sabbia dalle linee delle dune.
Diversamente dall'uso dei fuoristrada, il cammino coi dromedari ci permette di percepire la struttura delle dune, di seguire la lentezza con cui si affronta il deserto, di osservare le tracce indovinando ciò che è accaduto la notte, come ci insegna la nostra guida. Le tracce di un topo inseguito dalla volpe, un enorme scarabeo che è passato, ed infine l'incontro, grazie alla guida, con un animale alchemicamente mitico, la salamandra, che si credesse potesse resistere al fuoco, e che comunque sa scomparire nella sabbia senza lasciare traccia!
Si ritorna alla Kasba nel deserto appena in tempo, prima che il sole ed il vento rendano invivibili gli erg e dopo un breve commiato dagli altri del gruppo siamo soli.
E siamo di nuovo in viaggio, come gli antichi scopritori, dopo il deserto e l'esperienza tra le dune, ecco un pullman spuntato dal nulla dopo una telefonata e 100dh. Cambiamo compagni di viaggio e ne acquisiamo uno, un signore spagnolo che ha vissuto un mese nel deserto, ora desidera i monti e parla bene l'italiano. Attraverso le zone desertiche, tra donne e uomini Amazir (Amazigh) e il caldo afoso di queste zone.

Scopriamo le montagne del medio Atlante, un altopiano più simile alla steppa, con ciuffi di piante, e anche delle tende come quelle dei Tuareg, per far pascolare asini e altri animali, ma in questo ambiente più umido, con pigri fiumiciattoli, sembra un ambiente che assomiglia alle vecchie campagne della mongolia.
E poi un'altra sorpresa, le case verso la fine dell'altopiano, sono in stile occidentale, le località (Azrou e Ifrane) sono immerse nelle pinete e quasi totalmente realizzate con case dai tetti a punta e lo stile europeo, a parte qualche finestra con l'arco arabo e i nidi delle cicogne sui tetti.

L'arrivo a Fes è felice, dopo 6 ore di viaggio. L'Hotel Splendid, unica concessione al lusso di questo viaggio, è moderno e superaccessoriato, pieno di italiani.
Il pullman ci aiuta conducendoci direttamente con un giro supplementare.
Dalla città nuova alla Medina, passando per le varie mura. Al primo approccio la Medina e i suk, pieni di gente che cerca di fermarti e farti da guida, infastidisce, oltre al fatto che ci si perde facilmente. Dopo un bagno nella piscina dell'albergo un secondo giro però risulta piacevole, accettiamo anche una guida di un ragazzo e conosciamo così le antiche concerie e la cooperativa tessile. Molto piacevole anche la sosta al Cafè clock, vero locale per universitari, giovane e piacevole.

Fes la Medina - Una delle porte

Da Fes si riparte con alcuni pacchetti in più alla volta di Meknes.
L'arrivo non è dei migliori, la stanchezza, anche di chi fa il Ramadan, il taxista che ci costringe ad una spesa assurda, e l'arrivo in un zona povera, sporca e puzzolente della città non ci dispone positivamente.
Poi però la cena nel Riad (antica casa), bellissima dimora piena di antichità, giardini e dalle pietanze ottime, e la città che si anima di sera con le partite a calcio dei bambini, i negozi che aprono, il tutto con le lampade che donano un po' di fascino in piu', ci riappacifica con la città.
Meknes appare più dimessa, ma i palazzi storici, i musei, il mercato, la medina più calma e la piazza sono davvero notevoli. La gente poi si dimostra molto più socievole.

Meknes La scuola Coranica

Si torna a Tangeri per l'ultimo atto.
Ci convinciamo che i taxisti sono i più ladri, le false guide vogliono 10dh (1€) e al limite sperano che compriate qualcosa, e, anche se sono insistenti, non possono costringervi; i taxisti invece, falsi e non, vi chiedono 20/30dh invece di 5/10, danneggiando quelli onesti che usano il tassametro.
Torniamo nello stesso Hotel, che ci fornisce una camera nuova molto bella, anche se la tv non funziona...
Lo stesso ristorantino vicino per il pesce.

Infine.
Abbiamo percorso circa 1500km, in treno, pullman e pulmino.
Per tirare le fila direi che al di là delle scelte specifiche della religione musulmana, la condivisione diffusa della spiritualità è positiva e purtroppo si è persa in occidente, così come il rispetto per il sacro.
Vi sono delle limitazioni, vissute anche di più per il Ramadan, ma anche più libertà rispetto ai tabù borghesi europei.
La dimensione del rispetto sociale non mi è chiara ancora, così come i dubbi rispetto alla considerazione della donna, anche se credo che debbano fare la loro strada in questo senso.
Apprezzo comunque la coesistenza pacifica di culture diverse, di modernità (cellulari, internet, corrente, neon, aerei, automobili...) e antichità (architetture, vita rurale, asini, cavalli, dromedari, carretti a mano, tradizioni, spiritualità); è  strano vedere persone vestite moderne con l'ipad passare sotto porte antiche, quasi senza alcun intervento da secoli, assieme a suv e asini, vestiti lungi tradizionali e acconciature moderne.
Sostanzialmente dunque, la situazione quotidiana in Marocco non è poi così differente dall'Italia, più del Sud Italia però direi: piccoli paesi, paesaggio che cambia, pianure, monti, mare, famiglie, lavoro, commercianti, al posto delle chiese le moschee con i minareti, povertà, ma anche ricchezza, antichità e città nuove, ricerca della modernizzazione, ma senza troppe esagerazioni.
In ultimo: sarebbe bello che l'Europa e i suoi cittadini, si riprendessero la tradizione, la socialità, i sapori, i suoni, gli odori e i colori invece della fredda visione tecnologica dei computer e delle orribili architetture moderne che appagano solo i nostri occhi ed il portafoglio delle multinazionali.
Si ringrazia la Guide Routard, senza la quale, questo viaggio, sarebbe stato piuttosto differente.

PS Mi scuso se qualche ente, albergo o altro possa non apprezzare i miei giudizi.
TUTTE LE FOTO SONO REALIZZATE CON IL MIO FIDO Palm Pre base, che, una volta pulito da app e patch e dall'overclock con Uberkernel e Govnah, funzionava benissimo, sia per foto che per navigazione e upload su facebook, sia per scrivere questi appunti di viaggio.

 
Di Alex (del 28/02/2011 @ 21:17:19 in Informatica, linkato 1753 volte)

Nessun allarme, purtroppo non è arrivato nei negozi italiani, ma solo a casa mia grazie al programma per developer della HP.

Il Palm Pre 2, l'ultimo nato della nuova scuderia HP-Palm, in attesa dei nuovi Pre 3 e Veer.

Il Pre 2 monta la versione os 2.0, le applicazioni sono le stesse del Pre Plus con Webos 2.1.0, anzi manca la chiamata vocale...
a proposito di questo la cosa è veramente bella: la nuova applicazione per chiamate vocali del 2.1.0 si può attivare anche a telefono spento e vi chiede di scegliere tra tipi simili dicendo si o no!! Il tutto in italiano perfetto!

La velocità sembra ottima, ma non avendolo rienpito di files e di applicazioni non posso assicurare nulla, farò dei test.

Ecco la batteria di Pre + Pixi.

 

finalmente una testiera qwerty dopo qwertz (Tedesca) e azerty (Francese).

Riferimento: articolo WebOS 2.1.0 su Palm Pre plus in Italia

 Ecco il momento del descatolamento.

 
Di Alex (del 07/01/2010 @ 20:45:35 in Consigli tecnici, linkato 994 volte)

Dunque. Qualche giorno fa ho accettato le continue ed inistenti richieste del Palm Pre di aggiornare alla versione 1.3.5 Sprint il WebOS.

Ho disintallato il tema, disabilitatio i Plugin tramite l'EPR emercency pack recovery (ancora non ho capito come si recuperano una volta disinstallati!)

Dopo l'aggiornamento, al riavvio l'App catalog chiedeva di aggiornare l'aplicazionme da me acquistata Classic, salvo che poi la cosa non andava a buon  fine: l'app catalog diceva: This application is not available in your country!!

Incazzatissimo scrivo alla Motion Apps, ma la risposta per quanto celere diceva che non riscontrafva questo problema,

Faccio presente che possedevo una 1.3.1 Sprint con lingua english USA, porporio perchè la 1.3.1 eu con lingua anche italian non consente le applicazionbi dell'app catalog...

Convivo con una icona del classic con una bella icona con il punto esclamativo non utilizzabile...

Oggi preso da un raptus accetto di aggiornare alla 1.3.5.1 senza togliere i temi o i plugin...

Ovviamente il webos si impalla, ma magicamente dopo 6 riavvii torna perfetto, e ha tolto l'icona del classic... provo ad aprire l'App catalog, a reinstallarlo e....

TUTTO OK; non ha perso l'attivazione e il sistema è completo con le applicazioni palmos che avevo installato, e nessun problema!

Quindi apro preware che, come al solito, ha perso segno di tutti gli homebrew e plugion installati (funzionano tutti, ma lui non sa che ci sono), allora provo l'emergency pack recobery help fatto apposta per la 1.3.5 (sposta le applicazioni nello spazio grande), ma nulla.

Proverò a reinstallare Preware, credo che questo gli farà ribeccare tutto, oppure reinstallo i vari plugin, per avere la funzione update automatica, comunque ora funzia tutto, compresa la Virtual Keyboard che con la 1.31 era una tristezza e nin si installava!

 
Di Alex (del 02/03/2010 @ 20:09:37 in Informatica, linkato 1758 volte)

E' inutile che la PALM si stupisca di avere venduto ben al di sotto delle aspettative.

Devo dire che il terminale Palm Pre, pur essndo non Plus, è decisamente grande, dopo due mesi che lo utilizzo mi piace sempre più, soprattutto con le migliorie dei vari webos.

Però non posso fare a meno di usare l'iphone assieme per leggere gli ebook e fare dell belle partite in 3d.

La PALM si stupisce di avere venduto poco: è uscita con uno martphone che non aveva catalogo software e con un webos agli inizi, dopo quasi un anno non sta vendendo nei paesi che hanno la maggior concentrazione di cellulari procapite: esempio in Italia, ed è solo da un mese che finalmente il webos è paragonabile al software dell'Iphone e permette l'uso di giochi 3d e software flash...

La PALM credeva davvero di avere un nome paragonabile al colosso dei gadget e dei pc di altissimo livello come la MAC/APPLE pur avendo creato solo palmari e smartphone?!

Nooo non è possibile, Apple è un simbolo che vende anche da solo, al mondo sono pochi a conoscere Palm...

Inoltre a questo punto si è fregata anche i mercati come quello italiano dove oramai esistono decine di cellulari multitouch (anche se pochi lo sono davvero, ma gli utenti che ne capiscono?!) di ogni marca e prezzo, se arrivava sul mercato italiano con il pixi a basso prezzo entro l'estate 2009 ne vendeva eccome, ma ora cosa vuoi che possa fare?!

Sono pochi a capire che la qualità delle idee Palm è altissima, la gente compra per moda e per aspetto, pochi conoscono ciò che comprano e lo usano davvero, la Apple invece ha utilizato sia un buon strumento di qualità sia la moda del suo marchio coinvolgendo sia gli amanti del suo marchio, sia chi segue solo la moda, sia  chi conosce l'hardware e il software....

Spero solo che la PALM si possa riprendere, è comunque ottima e con l'ultimo nato ha creato davvero il cellculare perfetto, manca solo la radio e qualche software migliorato, come un gestore file office, un buon navigatore con mappe online, un lettore ebook, un buon software4 di sincronizzazione desktop, e qualche gioco di qualità, tute cose che esistevano sul Treo, ma tuttora mancano dal catalogo.

Epoi cosa spettano a rendre disponibili i software fuori dall'America, cara PALM ti stai rovinando con le tue mani, anzi con i tuoi palmi!

 
Di Alex (del 03/04/2015 @ 18:58:42 in Consigli tecnici, linkato 611 volte)

Un po' di storia.
Dopo i vari Treo e i Palm Pre, ottimi, elaborabili e grandi pionieri degli smartphone, ma poco funzionali in termini di aggiornamenti e funzioni hardware, ho utilizzato il mio Iphone 3gs, veramente comodo e bello.
Però il procedimento per poter personalizzare un'iphone è terribile e alla fine non riesci comunque a far funzionare la tavoletta come vuoi tu.

Dopo alcuni tentativi: LG optimus one, HTC Chacha (ancora in uso come minipc portatile per scrivere), LG Optimus 3d sono passato alla Samsung.

Iniziai con il Samsung Galaxy S2, comodo, funzionale e piuttosto potente per il periodo, però ogni due per tre perdeva le applicazioni più grosse installate in memoria, aveva ancora una gestione strana della memoria.
Sono passato all'S3, ancora puttosto piccolo e comodo in mano, con i bordi arrotondati, veramente piacevole e potente.
Unico problema era la ram, con android 4 e tutte le app che considero importanti per me non andava più, inoltre aveva lo schermo rotto e ci voglino più soldi del suo valore per aggiustarlo.
Ed eccoci all'S4, piuttosto grossino, ma potente e performante, nel tempo il migliore che ho avuto, ma con una grande pecca, una memoria di archiviazione di soli 9Gb da monitorare continuamente.

  • Ho installato Sd Maid che, assieme ad Androdi assistant, sono i migliori pulitori di file del sistema,
  • ho utiizzato foldersync per spostare foto e file scaricati sulla memoria esterna (SD da 64gb)
  • ho installato, dopo il root, Folder mount, spostando così le cartelle delle applicazioni più grandi (giochi, sygic, wikipedia, dizionario, Pocket) sulla sd esterna,
  • ho installato anche Xsposed tools per migliorare il siervizio di gestione dell'archiviazione di media che aveva un bug e, oltre a rimpire la memoria, drenava la batteria.

Però alla fine non sono riuscito a poter gestire le varie necessità.

GALAXY S5

A questo punto si poneva l'alternativa: trovare un S5 con 32gb di rom o passare all'S6?

Ho deciso senz'altro di rimanere all'S5 per questi motivi:

1- prezzo, come al solito il nuovo di casa Samsung arriva ai 700€
2- il nuovo cellulare ha come peculiarità una scocca in metallo, a me non è mai fregato nulla dei materiali, se di fatto sono resistenti e non prendono fuoco
di contro per avere un cellulare piccolo mapotente ecco tre elementi che non mi faranno probabilmente mai acqustare un S6
3- nano sim, così non posso più spostare come voglio la mia sim
4- batteria non cambiabile, evvai così quando si esaurisce sono a piedi e vogliono un botto di soldi per cambiarla in un centro specializzato e si perde ogni cosa sul cellulare, invece appena compro un cellulare io acquisto una batteria maggiorata su ebay e me la cambio, volendo posso tenermelo per 10 anni in questo modo
5- nessuna scheda sd esterna, certo se acquisto la versione 64 o 128 gb non dovrei sentirne il bisogno, ma mi serve un mutuo e siceramente non considero accettabile avvere più di 1000€ in tasca che mi possono cadere e rompersi.

Quindi siamo all'S5 32gb con Lollipop (5.0), era meglio rimanere al 4.4, ma alla fine mi trovo bene, anche se siamo alle solite e ora abbiamo reminescenze dell'S3 in quanto Lollipop succhia più memoria della Treccani su hard disk, però con i dovuto accorgimenti, attendendo il 5.0.3...

Aggiungo altre due cosette Pro Galaxy S5:

  • lo schermo ha un sistema di contrasto automatico ed una specie di matrice di colori a strati che lo rende perfettamente visibile al sole;
  • il cavo usb3 è davvero velocissimo nel trafserire i file tra pc e smartphone, non credo invece che acceleri di molto la ricarica
  • la batteria potenziata è assolutamente comoda, due giorni di durata, unita alle due modalità di risparmio energetico rende l'S5 molto comodo
  • i 32gb di spazio base sono infiniti se si ha l'accortezza di spostare file come immagini e video nella scheda SD esterna che l'S6 non può avere
  • la ricarica wireless (con cloni cinesi di base e caricatore) è comodissima senza dover aprire sempre lo sportellino che garantisce la resistenza ad acqua e polvere
  • con NOVA launcher e risparmiando su alcuni servizi che si attivavano troppo spesso grazie a Gemini App Manager, ho anche risolto la poca memoria bug di Lollipop
  • intervenendo con root e file manager ho sbloccato al scrittura sulla SD esterna a tutte le app, ora l'utilizzo è il massimo,
    Solo due consigli:
  • non disabilitate la connessione 4G LTE, anche se consuma byte e batteria perchè provoca un rallentamento delle chiamate (fino a 20 secondi per agganciare le telefonate!)
  • in ultimo se il cellulare cade e si colora di giallastro lo schermo come tono spegnetelo e togliete la batteria per qualche secondo e torna come nuovo, ma occhio alla sd che è poco inserita nel nuovo slot per cui spesso dopo una caduta va reinserita.

YOTAPHONE ONE

Una parentesi però la devo farlo a proposito dello Yotaphone One (cioè non quello arrivato in Italia con Vodafone e Wind, ma la prima versione).
E' una genialata, è piccolo, comodo, potente, bella definizione, solo un po' piccola la batteria, ma lo schermo elink dietro che invia le notifiche è qualcosa che dovrebbero fare tutti i produttori di smartphone, per ora non fa molte cose, ma già avare notifiche, ora, calendario e poter leggere gli ebook consumando un minimo di batteria è mitico.

Unico fastidio non sai mai come posarlo per non rovinare uno dei due schermi, ma perchè non mettono già in produzione degli spessori per non fare appoggiare fotocamera e schermo?!

 

Innannzitutto è un peccato che ci voglia così tanto tempo per rendere WebOs Open, alcuni anni senza nuovi device credo che potrebbero essere fatali...

Ho fatto alcune valutazioni, in questo periodo, sui tre sistemi e rimango convinto delle varie differenze e punti di forza:

Il Pre - WebOs, dopo aver dato il mio Pixi Plus a mia moglie e il mio Pre Plus a mia sorella, vedo che in realtà anche chi non ama gli smartphone alla fine si trova bene con  il Palm Pre o Pixi per compattezza, qualità e possibilità. Rimangono molte cosette che non si possono migliorare e non lo sarannmo mai più purtroppo, ma per chi utilizza il telefono solo per la parte telefonica comunque avere un navigatore GPs pronto, un lettore di email all'occorrenza, infiniti sms e rubrica con backup la cosa non è male, oltre alla tastiera reale che fa il suo lavoro egregiamente.
Ho anche notato che il wifi anche del Pixi è notevolmente più potente sia di quello del Galaxy s2 sia persino di quello dell'Iphone 4.
Ora che è possibile installare un gestore di file office (Picsel Office) e comunque vi sono parecchie app utili, è un peccato che tutto si sia fermato...

L'Iphone 4 mi ammalia sempre per la capacità di lavoro, per le App di qualità, per lo schermo superdefinito e la qualità di ogni azione che intraprende...
Però rimane un telefono costosissimo, pesante, bloccatissimo (visto quanto l'ho pagato non ho alcuna intenzione di fare il jailbreack con rischio per garanzia e funzionamento software), per cui rimane a casa.

Il Galaxy s2 è invece un ottima scoperta. Lo spazio sembra non finire mai, è veloce, fluido e accetta qualsiasi programma. Con una batteria da 1800 e una scheda 16gb su cui ogni tanto trasferisco i download, devo dire che funziona ottimamente. Il suo valore non è eccessivo, è resistente, anche dopo alcuine cadute funziona bene. Inoltre è prevista a breve la nuiova versione di Android che migliorerà un sistema che comunque riusciva a garantirmi tutto quello che potevano fare gli altri due, ma in un unico strumento.

 

La Guida per ovviare all'attivazione di un telefono Pre e Pixi.

Mi è capitato di avere, per sbaglio, un Pixi Plus della Verizon, attivato in America e senza sim (la Verizon usa una sorta di wifi esteso anche per telefonare).

Dopo aver dottorato con la giusta versione di Doctor WebOs il telefono:

1. SCARICA DEVICETOOL.JAR (ARTICOLO PER SVILUPPATORI)

2. AGGANCIA IL TELEFONO TENEDO PREMUTO VOLUME UP FINO ALLA COMPARSA DELL'ICONA USB

3. LANCIA IN COMANDO DOS java -jar devicetool.jar

E SEI NEL TELEFONO DOVE ABILITIAMO IL WIFI PER NAVIGARE.

Ma ancora non c'è il profilo Palm.

(NB durante la procedura di attivazione si può provocare l'attivazione del developer mode digitando nel tastierino #*3386633#)

4. ORA PASSIAMO ALLA MODALITA' DI SVILUPPO (DEVELOPER) SCRIVENDO DA TASTIERA

upupdowndownleftrightleftrightbastart

OPPURE

webos20090606

TOUCCIAMO L'ICONA E ABILITIAMO IL DEVELOPER MODE.

5. TRAMITE WEBOS - QUICKINSTALL INSTALLIAMO PREWARE E IMPOSTAH

6. FORZIAMO LA CREAZIONE DI UN NUOVO PROFILO, PALM PROFILE (SE NON NE POSSEDIAMO UNO PRONTO)

7. DA PREWARE SCARICHIAMO DUE PATCH: Show First Use App E Enable Activation Patch

8. TOUCCIAMO LA PRIMA APP, OSSIA LA PROCEDURA DI AVVIO, LA QUALE CI CHIEDE LA LINGUA E I PROFILO, DIGITIAMO QUELLO PRECEDENTE O QUELLO APPENA CREATO ET VOILA' ABBIAMO IL TELEFONO UTILIZZABILE!

 
Di Alex (del 21/08/2011 @ 17:58:32 in Informatica, linkato 1193 volte)

Posso valutare tre categorie di smartphone di oggi:

l'Ios su Iphone 3gs e 4 (e anche provato il 3g)
l'Android su Flytouch2 e LG Optimus One (P500)
il WebOs su Pixi Plus, Palm Pre, Pre Plus e Pre 2

Non c'è che dire,

l'Iphone ha un hardware eccezionale, veloce e di qualità (touch, schermo, suono) e un sistema operativo piuttosto buono (con pochi momenti di difficoltà e bugs), un parco applicazioni ottimo, che fanno davvero tutto (video con codec diversi, video su network interna, navigazione file sulla rete wireless, skype, facebook, navigazione web, foto di qualità, gestione e modifica documenti office...)
se non fosse per il sistema blindato, che non consente patch comode, e la mancanza di tastiera hardware, non mi scollerei da questo sistema e telefono.

l'Android è bellino, ha un sistema aperto, ma secondo me giovane: si blocca, rallenta, alcune applicazioni fallano, inoltre ha una gestione della memoria assurda: se installi troppe applicazioni, anche se hai una scheda da 16gb, lui riempie la minimemoria di 200mb del telefono e ti saluto! ASSURDO.
Certo gli hardware sono tantissimi, anche con tastiera, ma o sono enormi, o sono minimi, la soluzione della flip del Pre è GENIALE.
Le app sono molte, ma di qualità decisamente bassina, fanno alcune cose, ma non altre, spesso si bloccano e alla fine, anche se si riesce a fare tutto, si hanno bisogno di tantissime aggiunte per avere un sitema ok, salvo poi finire la minimemoria!

come dicevo, i Palm - HP Pre hanno il sistema a flip che consente uno schermo decente e una tastiera comodissima, un punto di forza vermante massimo
il sistema webos è in assoluto uno dei migliori, la versione 1.4.5 è stabile, veloce e con possibilità di tantissime patch che lo rendono personalizzabile al meglio
il metodo di aggiornamento e sincronizzazione dei dati via wifi e 3g credo sia la soluzione ottima per oggi, il multitasking è l'UNICO vero e reale.
però la situazione cade sulle applicazioni, ancora oggi, dopo più di due anni, in Italia non sono disponibili le applicazioni e neppure gli hardware, di certo non si può fare tutto come sul PalmOS e gli altri sistemi!
Il WebOS 2 è pieno di bug e si blocca e va a scatti, non funzionano più bene le sincornizzaizioni via web, si perdono le sveglie, ogni tanto sibloccano funzioni basilari come i messaggi, il menù dei sistemi di contatto, il calendario etc... gli hardware Pre sono ottimi come conscezione, ma poveri di innovazione e potenzialità, schermi di basso livello, processori medi, fotcamere appena decenti audio medio alto, difficile combattere con l'iPhone 4 e il Samsung Galaxy, veri superpc portatili.
In ultimo la HP ha fatto ben poco per entrare nel mercato, nonstante la sua potenza ha perso colpi e tempi, è un vero peccato, spero comunque che il WebOS continui anche su piattaforme diverse, magari Samsung, perchè il connubio WebOS+grande harware creerebbe degli smartphone impeccabili.

Dovendo quindi abbandonare il mio Pre, ho qualche difficoltà: o torno al 1.4.5 sul Plus, oppure passo all'iphone, ma senza tastiera è un casino per chi scrive molto, però Android, l'ultima possibilità, è davvero fastidioso, lento a trovare le applicazioni (con webos scrivi "wi" con la statsiera e ti propone tutte le app con "wi" nel titolo!, non devi neppure navigare l'elenco delle applicazioni!), con telefoni scomodi per la tastiera, e poi faccio fatica senza il multitasking a cui sono abituato... vedrò.

Devo dire che la morte di webos mi spiace moltissimo: la sua capacità di multitasking, di aggiornamento via wifi senza necessitò di pc, le funzionalità chiare, le interfacce di programmazione di webos, le app di alto livello, la rubrica che poteva pescare i dati da più account contemporanemamente (Facebookj, google, yahoo, linkedin) e integrarli nello stesso nominativo, anche manualmente (cosa che iphone e android si sognano) mi mancherà moltissimo, bellissimo anche il vocabolario, la funzione di ricerca immediata "cominciando a scrivere", sia della app, sia dei nominativi sia su web, scrivendo si accedeva così subito a tre possibilità, nel webos 2 poi si potevano aggiungere motori specifici a questa ricerca... CRedo che Ios e Android debbano imparare dal Webos, perderlo sarebbe come se Linux fosse stato perso per strada...

E mi dispiace anche per l'hardawre HP, era buono e a costo accettabile, nulla a che vedere con Acer e compagnia bella, certo la pefita di IBM è stata grave, i suoi portatili di prima del 2000 funzionano ancora egregiamemnte, ma anche gli HP sono immortali, ora non esiste nulla di paragomnabile sul mercato.

Però rimarrà vergogna e BLAME sull'HP per aver abbandonato la Palm i <Pre e il Webos.

 

Dunque se volete accedere al vostro pc Windows da un'altro computer con un navigatore web (quindi anche MAC, smartphone, iPhone, Palm Pre etc.) potete ora seguire alcuni semplici passi ed utilizzare il programma che ho realizzato per navigare via web sul pc (filemanok):

  1. se avete xp andate su programmi windows e aggiungete IIS, il server web che trasforma la vostra macchina in un server accessibile via web... se avete Vista o 7 dovete abilitare iis e anche abilitare le pagine ASP - Active Server Pages dal controllo di iis
  2. aprite la porta 80 con le porte virtuali, sul vostro router, oppure configurate iis su una porta apposta, tipo 88, ed aprire sul virtual port quella porta direzionata al vostro pc, con il suo ip sul router...
  3. iscrivetevi al mio forum e accedete alla pagina di scaricamento
  4. scaricate Fileman ok, scompattate il file zip nella cartella c:\inetpub\wwwroot ad esempio in \filemanager o \filemanok, oppure dirttamente nella cartella base (non consigliato), cliccate sulla cartella e abilitate la scrittura e l'accesso all'utente guestweb per la cartlla TEMP, anche se non è necessario per tutto...
  5. provate dal browser ad accedere al programma: localhost/nomecheavetescelto, usate admin admin per entrare
  6. a questo punto iscrivetevi a dyndns e poi o scaricate il programmino che mantiene agganciato il vostro pc ad un indririzzo oppure configurate dyndns sul router
  7. da qualsiasi navigatore accedete all'indirizzo di dyndns e vedrete il vostro pc e tutti i suoi diski
  8. con il mio programma filemanager ASP gratuito potete, se avete i diritti sulle cartelle in cui andate: fare copie dei files, modificare file di testo, aprire banche dati access (mdb), cancellare files, fare download e upload di files, vedere immagini.
  9. Aspetto commenti!

  ----------

Palm Pre Plus francese. Ho acquistato di recente un Pre Plus di un francese che, a seguito di una caduta, si era bloccato.

La situazione era bruttina, nonostante i riavvii apriva due o tre programmi ae bloccava la sezione di gestione touch del Pre Plus.

Ma con un bel WebosDoctor sono riuscito a metterlo in sesto, tranne poi scoprre che re locked dalla SFR fransece... Allora studio il caso e trovo un programmino Jar emesso dalla stessa Palm che permette di avviare il Palm senza autenticazione del profilo e quindi del gestore. Solo che non va il telefono e non si possono fare molte cose, anche se come palmare funzionava benissimo e anche come wifi.. allora scrivo alla Orange ma nulla, quindi acquisto un sistemino su web: http://www.nextgenserver.com/index.htm
un po ' costoso: 19$, e compolicatino: occorre appunto accedere al Palm con quel programma che baipassa l'attivazione, accedere a delle funzioni nascoste e mettere in diag mode il palm, scaricare un'applicazione e ottenere una registrazione, scaricare ed installare alcuni drivrer sul telefono e... meraviglia ora il telefono è sbloccato!

Avendo finalmente fatto alcune prove devo dire che il Pre Plus Overcloccato a 500/800 è comunque più veloce nel riavviarsi e aprire le applicazioni quasi del doppio del Pre normale overcloccato allo stesso modo (UberKernel + Govnah)! Ecco perchè Palm HP pensa di mettere il webos 2.0 solo su questi forse...

 Comunque ora il mio parco Palm è fin troppo completo, dovrò disfarmi di qualche modello!

Parco Palm

 
Di Alex (del 18/11/2009 @ 17:20:28 in Help Informatico, linkato 933 volte)

Dunque ecco l'iphone 3G.

Sicuramente dal lato multimediale niente da dire, e d'altronde cvon deitgrola Apple ce lo si poteva aspettare.
Ottimo il materiale, la qualità e il design.

Però poi la casa Mac faglia (scusate il camillerismo), mostra debolezze sui lati che non fanno parte della sua tradizione:

  1.  Navigare i file e segliere quali applicazioni installare per noi Palmisti e WindowsMobilisti è una cosa semplicissima; meno per i nokiisti di ultima generazione, ma nell'iphone è quasi impossibile avere delle cartelle di sistema decenti e comprensibili e il sistema è bloccatissimo... bne poco piacevole
  2. il sistema GPS se si installa una applicazione di troppo smette di funzionare,
  3. nei file manager non esistono comandi di cancellazione,
  4. la tastiera è terribile e non se ne trovano di accettabili da sostituire
  5.  i giochi sono stupendi e la grafica eccezionale così copme il sistema touch anche se avrebbe funzionato meglio cvon uno schermo più grande...
  6. però quando si tocca la navigazione ecco che il 3g funziona molto meno che con il mio nokia 6120 (grandioso) e safari e company non possono visualizzare javascript complessi e flash, video youtube etc, ma allora a cosa cacchio serve?!
  7. pensavo di sostituire il mio nokia 6120 che usavo solo per navigare, scattare foto panoramiche e fare video, oltre che ascoltare la radio, ma

IPHONE 3G mi ha deluso in molti sensi.

Navigazione web a dir poco debole, gestione files terribile, persino i file di office non sono modificabili e sono complicatissimi da trasferire manualmente, scordatevi di metterli sul disco come si fa bellamente con le schede sd, qui tutto è gestito dalle applicazioni che non ccettano che tu abbia una minima autonomia!!!! iTune impera.

La radio non esiste, la fotocamera è 2mpixel e non è un granché, niente video (se non con applicazioni apposdta da mettere dopo aver cracckato il telefono) e tantomeno foto panoramiche...

Se non si craccka l'iphone in pratica diventa nun giocattolino simile ad un lettore mp3 con funzione telefono e possibilità di giocare, nulla di più...

Sicuramente rimpiango il mio nokia e non mollo certo il mio Treo 680 palm, nulla a che vedere con questo oggettino bello ma poco utile, speriamo arrivi presto l'unico che vale davvero secondo me: il Palm Pre!

18-11-2009

Seconda fase: dopo alcuni giorni di utilizzo posso dire che:

  1. sicuramente come oggetto, come grafica e potenxzialità multimediali l'Iphone è uno degli oggetti migliori che ho utilizzato
  2. però nonostante la grande quanità di applicativi disponibili ci sono almeno un paio di cose veramente fastidiose:
  • molte funzioni come l'aggiunta di bookmark negli ebook (Stanza) o l'aggiunta di appuntamenti nel calendario, sono macchinosi, mentre con il Treo bastava premere un ouksante o toccare lo schermo qui occorre premere o touchare il segno + e passare almeno altri 6/8 touch per ottenere le agiunte desiderate, assurdo per chi chiede chye sia uno srtumento utile e veloce
  • le immagini, i video e la musica aggiunti non si possono cancellare dal terminale iphone, ma occorre itunes e la sincronizzazione, veramente triste
  • la connettività 3G è a dir poco disperante, il mio piccolo Nokia 6120 prendeva il 3gf in tutta parma fino a 10 km fuori e si connetteva a gran velocità, l'Iphone spesso e volentieri perde la connettività 3G e anche EDGE anche dentro Parma e la velocità di navigazione è lenta! Altro che 3G! 
 
Di Alex (del 06/06/2013 @ 17:00:43 in Informatica, linkato 1346 volte)

Eccoli:

nel tempo ho possedo vari minipc, con tastiera, nel tentativo di ovviare alla mia tremenda grafia...

Mi ha sempre entusiasmato poter immettere scritti e pensieri, anche se, con il tempo, si è affacciata l'esigenza di conettermi ed utilizzare internet.

Dalla foto mancano i mitici Treo, il Palm è indicato solo tramite un Palm Pre plus...

All'inizio erano le agende elettroniche: come il primo strumento in fondo, un traduttore in 5 lingue + database di altroconsumo.
Devo dire che di agendine deel genere ne ho possedue varie, compresa una delle dimensione di una carta di credito, con una tastiera a sfioramento.
Il vero problema era nello schermo che visualizzava poche righe.

Il passo avanti lo feci con un Atari Pc-Folio, un vero x86 con tanto di dos proprietario, programmabile, con funzioni di agenda, sveglia ed altro.
Era molto comodo, mi servì per trasferire le intervste che facevo per alcune riviste autorpodotte agli inizi degli anni novanta.
Il problema erano i tasti piccoli e la poca memoria, oltre alle schede di memoria che  per ricordare i dati dovevano possedere una pila!!!!
Tra l'altro il pezzo in mia dotazione è anocra funzionante, anche se la fascietta dello schermo fa fatica a rimanere attiva.

Subito dopo trovai il Memorex PCmini, anch questo un x86 dos classico, programmabile e molto più performante, il quale, appunto, si proponeva non più come un'agenda avanzata, ma un vero PC mini.
Sempre con schermo a cristalli liquidi, ma con densità maggiore e con una tastiera degna di un pc! Ancora oggi è comodissimo per prendere appunti. Lo usai per registrare le schede di ricerca della Tesi nel 1997-1998, purtroppo il problema era la memoria, anche se poteva utilizzare delle schede cme quelle che aggiungevano componenti ai vecchi portatili, quando lo presi era già vecchiotto e non si trovavano più.
Quindi finiva velocemente il testo che si poteva immettere... comunque era comodo e si poteva aggiungere file batch per attvare funzioni automatiche...

Vero smartphone degli inizi invece era il Nokia 9110, sempre in toni di grigio, ma con funzionalità di telefono e connessione internet (EDGE). la tasetiera non era male, e i programmi che si potervano installare molto interessanti, fino ad emulatori dei pacchetti Office! Oggi so che è ancora utilizzato come terminale di controllo di alcuni strumenti tecnici, grazie alla porta esterna.
Il peso e le dimensioni comunque lo rendevano ben diverso dagli smartphone a cui siamo abituati ora.

In mezzo, prima di passare a Windows, è doveroso un nota sui Treo: il treo 270 a toni di grigio e con sportellino, il treo 600, il 650 e il 680 (ancora con me). Questu eran veri smartphone: con tastiera fisica, potenzialità degne di un pc, gestione documenti foto video, già nel 2005 dovendo muovermi tra Bologna e Parma navigavo con il mio Treo utilizzando il 3g dei nokia 3650... erano veri smartphone, anche se già all'epoca si faceva sentire la mancanza del 3g, e del wifi, oltre allo schermo a 256 colori... però era molto bello poter accedere al proprio pc da qualsiasi luogo, purtroppo le risorse mirate alla navigazione mobile erano poche... Con il Palm Pre la cosa è cambiata, ma siamo già nel 2009, e Andorid e iOs stanno per massacrare Palm/HP e lasciare dietro una scia di modernariato telefonico.
Devo dire però che la situazione dal 2009, quando presi il mio primo Palm Pre con webOS, è diventata alquanto curiosa: io ora utilizzo un galaxy s3, ma sul mio comodino spicca una sveglia/orologio sulo schermo a 10" del mio Touchpad (veloce e di grande potenza tuttora, sia con Android che con webos); mentre sulla mia scrivania spicca una sveglia (modalità esposizione) che si appoggia al mio Palm Pre 2 sulla sua doc...
Ma non è finita, il mio Pixi è utilizzato giornamente da mia moglie, che ne sfrutta la dimensione ridotta, la fotocamera e la tastiera mini per sms e telefonate, null'altro, ma già molto; un amico sta utilizzando il mio Pre Plus per navigare, chattare e telefonare, anche se soffre la mancanza di fondi per ricomprarsi il galaxy s2 che aveva distrutto, però alla fine non è disconnesso; mia sorella invece telefona e scrive sms con un Pre Plus che le ho dato, senza sentire troppo la differenza dal suo cellulare professionale Nokia serie E/N; quindi, a conti fatti, il WebOs è duro a morire e dimostra che come telefoni erano una bomba, piccoli, potenti e comodi!

Veniamo ai prodotti con Windows.
Il primo è stato un caso, un Everun Raon trovato usato su Ebay; quindi un OQO 2 ed infine un Sony Vaio p11z. Tutti fuori produzione e/o di aziende che hanno chiuso.
Il punto è questo: è utile avere windows (XP/Vista/7) in schemmi piccoli e largamente trasportabili?
Devo dire che per chi programma solo su ASP sì, ma oramai tutto il resto è fattibile anche con dei tablet senza windows, a patto di avere delle tastiere fisiche perchè scrivere o programmare con quelle viartuali è un delirio. Inoltre windows può tuttora avere alcuni software (o versioni) che non esistono per gli iOs e gli Android, anche se non so per quanto rimarrò questa differenza.
L'Everun Raon è il migliore in termini di trasportabilità/mouse anche se non è potentissimo, in ogni caso aver trovato su web due batterie è stato ottimo. La tastiera però lascia a desiderare, mentre il mpuose a sfioramento è magnifico, solo muovendo il pollice o cliccando si hanno tutte le funzioni del mouse in 2cm quadrati! Non capisco perchè non venga montato su tutti i minipc con windows che necessita assolutamente del mouse per essere utilizzato, comunque lo schermo touch per il pennino aiuta a fare di tutto.
L'OQO 2, che ho anche rivenduto, è stata una delusione: schermo non capacitivo, quindi necessità di una penna apposta (non compresa) per l'utilizzo, schermo minimale, tastiera comoda, peso e dimensioni difficili da tenere in tasca, mouse a piriolino da nevrosi, quindi inutilizzabile, potenza da urlo: xp, vista e 7 senza problemi! In definitiva alla morte della batteria l'ho abbandonato.
La vera qualità si trova con il Sony Vaio p11z: anche se lo schermo è piccolino e per fare il formato largo deforma un po', tutto il resto è magnifico: peso minimale, tastiera ottima, potenza niete male: xp, vista e 7 accettabile, qualsiasi programma installabile, rimane il solito mouse a gommino inaccettabile, anche perchè inutilizzabile con schermi così piccoli: una stupidaggine.
Anche se lo schermo non è touch, alla fine è un ottimo prodotto, con disco ssd, sim 3g, wifi e webcam, è utilizzabile proprio come minipc in ogni occasione. Pecca la durata minimale delle batterie.

 
Di Alex (del 25/04/2007 @ 16:03:22 in Informatica, linkato 3326 volte)

Ho conosciuto l'informatica per un motivo forse futile, senz'altro poco scientifico in senso stretto: volevo imparare a giocare a scacchi.
Fu quindi il Commodore 64 ad iniziare la serie apermettermi gustosissime partite contro il pc, poi il 286, il 386, il pentium e così via.

Però questo articolo non è su di loro, m a sui palmari o portatili che ho posseduto e vissuto come informatico in questi anni.

Il primo computer o meglio elaboratore elettronico con funzioni particolari, trasportabile, poichè questa è sempre stata la mia passione, avere un sistema sempre accessibile con me, è stato un orologio calcolatore.

1. Emit - orologio calcolatore

orologio emit

Le funzioni erano semplici, una calcolatrice di primo livello, però era affascinante portarla sempre con sé.

Ovviamente i pulsantini persero subito le indicazioni e fare i calcoli dopo era anche un procedimento di memoria umana...

L'orologio è ancora in mio possesso anche se funziona solo come calcolo dei tempi.



In costruzione.

2. Casio - orologio con 30 memorie per rubrica

casio memory casio memory 2

Le funzioni erano assai più complesse: orologio digitale (ovvio), 30 rubriche, cinque allarmi pèiù quello orario, fuso orario, timer, stop-watch.

L'orologio funziona ancora, ha sempre avuto qualche problema con i pulsantini poichè la molla interna diventava cedevole, ma con un piccolo spessore in carta torna ottimo,
io lo uso ancora per non perdere il treno, anche se non amo avere l'orologio al polso, inoltre con il cellulare onnipresente non è più così necessario, ma provate a guardare se siete in ritardo per la stazione mentre pedalate nel traffico con un borsone sulle spalle, il rischio cellulare in pappa è altissimo...
In ogni caso è tuttora preciso e funzionale con le sue sveglie e le altre funzioni, anche se le sue memorie sono vuote da tempo (inserire lettera per lettera era lunghissimo!) e vi assicuro che trovare il cinturino è un'impresa, solo che essendo di gomma la durata è veramente ridicola.

3. Altri orologi: con registrazione vocale e con gioco a cristalli

altri

Per allora straordinari, ma decisamente poco utili visto che la funzione orologio era molto imprecisa e la durata dele pile ridicola, quello che registra la voce ha una durata del messaggio di circa 30 secondi e le due pile 2016 si scaricano a razzo!

 

4. Calcolatore avanzato Altroconsumo

calcolatore

Finalmente un sistema di inserimento testo con pulsanti a tastiera (però pulsanti a pressione di plastica, terribili), devo averi scritto un paio di poesie adolescenziali.
Il sistema era interessante: dimensioni da carta di credito, calendario (se non ricordo male), calcolatrice, funzione memo, orologio e sveglia. A parte i pulsanti a PRESSIONE, anche lo schermino a una riga risultava di diffcile utilizzo.

4bis. Traduttore avanzato

traduttore

Grande sistema di immissione con tastiera a pulsanti in gomma; una vasta gamma di funzioni: 6 o 7 (ne possideo due versioni, li regalava una banca con il conto corrente e una rivista) lingue di traduzione sia come termini che come frasi ad argomento, orologio, cal,colatrice, calendario con appuntamenti e sveglie, più sistema con password di sicurezza. Lo schermo a due righe era il non plus ultra rispetto agli alri, la dimensione era come quella di un palmare odierno.
Il sistema ancora molto simile ad una calcolatrice avanzata, sicuramente non ugradabile, non lo rende ancora un vero e proprio palmare secondo la concezione moderna, anche se le funzioni complesse erano senz'altro paragonabili a quelle odierne, tanto che lo strumento potrebbe essere utile ancora adesso.

5. Atari Pc-folio

pcfolio

Ed arriviamo al primo grande palmare che ho utilizzato.
Caratteristiche:
Atari PcFolio (italian version of Portfolio), Japan projected by DIP (UK)
LCD gaphic, 8 x 40 (text)
Organizer, PC-compatible with proprietary interface. DIP-DOS (MS-DOS 2.11 compat.) and Lotus 1-2-3 compat. First integrated pc-organizer.
128KB RAM,
CPU 80C88
3x AA, or ext 6V miniplug
Il mini computer, rigorosamente bianco e nero, con le sue 8 righe risultava ottimo, il sistema proprietario disponeva già di applicazioni avanzate: rubrica telefonica, calendario con sveglia e appuntamenti, calcolatrice, programma di videoscrittura e, meraviglia delle meraviglie, un foglio elettronico compatibile con quelli windows!!
Ricordo che la cosa più piacevole era poter scrivere file facilmente utilizzabili sia sul pc che sul pc-folio, avevo anche comprato un aggeggino da agganciare all'unica porta che permetteva di condividere i dischi tramite porta prallela con il pc!
Il palmarino, in realtà piuttosto grandino rispetto a quelli di oggi, aveva pregi e difetti:
senz'altro il wordprocessing con le funzioni di font e formattazione unito al foglio elettronico era una funzione eccezionale, mi ricodo di avere sbobinato varie interviste politiche anche in treno;
per salvare i files oltre alla connessione con i pc tramite parallela (il programma, ottimo, l'ho usato anche tra pc fino all'avvento di windows xp) esistevano dlle pcmci di prima versione, solo che avevano un grande difetto, una volta sgaciate dalla corrente per ricordare i dati disponevano di una pila 2016 esaurita la quale perdevano tutto;
col tempo poi si è evidenziata una debolezza hardware che oggi rende quasi inutilizzabile l'apparecchio (sì funziona ancora): la fascietta che passa i dati allo schermo si usurava in uno o due anni provocando uno schermo "nero", per cui solo tenendolo aperto in una certa posizione si vedeva tutto, inoltre l'alveo delle pile rendeva difficilissima la loro sostituzione;
però tra il software comprabile su pcmci c'era il powerbasic, il quale caricava un basic avanzato programmabile con il quale ero riusicito persino a creare un piccolo gioco;
Io l'ho usato fino al 2000 come rubrica vicino al telefono di casa, aperto e collegato con il trasformatore!
Basti dire che esistono siti, anche italiani, che ancora commercializzano questo prodotto!

6. Memorex Supermini

memorex

Caratteristiche:
Memorex supermini 199x Reflective LCD CGA Turbo
boot ROM with DR-DOS and tools
1 slot PCMCIA type 1
integrated standard serial and parallel port
1 MB RAM
CPU NEC
4x AA, power supply 220V-5V
Crisp display
example of low cost OEM handheld pc clone Very good, working. With bag.
E' in tutto e per tutto un pc dos con processore 8088, quindi l'antesignano del 286, 386, 486 e pentium... Non sono riuscito ad avviare dei programmi dos classici solo per la mancanza di memoria e per il fatto che le schede pcmci di primissima versione che l'hardware usa erano già introvabili quando l'ho comprato nel 1998. Peccato in quanto anche solo qualche mega in più lo trasformerebbe in uno strumento ottimo per varie applicazioni!
Anche in questo caso il software dell'os possiede già alcune applicazioni attive: utilizzando il programma residente Personal Assistent si ha agenda con allarme, appuntamento e lista cose da fare, wordprocessor, e calcolatrice.
Il sistema è proprio il dos (dr.DOS), pertanto è pefettamente compatibile con i pc ai quali si collega con una parallela o una seriale già presenti, da provare l'utilizzo di un mouse seriale, che rende la sensazione di utilizzare un vero miniportatile.
Rispetto al pc-folio, i cui stati sono piccoli e scivolosi, i tasti paragonabili a quelli di un portatile rendono il memorex uno strumento comodissimo per battere testi, io l'ho utilizzato moltissimo porprio per il motivo per il quale l'avevo comprato: trascrivere i testi degli articoli per la tesi. Mi ricordo che nelle biblioteche c'rea sempre qualcuno che mi chiedeva notizie, anche se il modello era già vecchiotto, però come gestore di testi era decisamente ottimo.
Dopo gli acquisti successivi e per la limitata capienza della memoria non l'ho più utilizzato, ma è ancora perfettamente funzionante.



In questo periodo ho cominciato l'acquisto anche dei veri propri portatili, di cui però vi faccio un excursus alla fine.

7. nokia 9110i

Nokia 9110

Reti: GSM 900 Mhz
Irda, modem, wap, connessione seriale al pc
Dimensioni: 158 x 56 x 27 mm
Peso con batteria in dotazione: 253 gr
Calendario/Agenda, SMS, Wap, fax, gestore di testi, giochi
suonerie complesse, wav e midi

E con questo (circa nel 2000) arriviamo finalmente ad un prodotto completo: un cellulare palmare, con una spesa decisamente superiore alle altre (circa un milione e mezzo di lire), ma con un prodotto decisamente ottimo.
Un vero e proprio sistema operativo (Sembian OS) con un buon numero di programmi installabili
In dotazione già un gestore di testi abbastanza avanzato, a quello e ad altre applicazioni già in loco avevo aggiunto: filemanager, alcuni giochi, emulatore dos, gestore di testi in grado di visualizzare anche documenti word e pdb, foglio elettoronico, gestore di applicazioni... Vi erano un paio di sviluppatori software veramente ottimi, peccato che con l'uscita del 9210 e dei successivi, ossia dopo circa due anni gli sviluppatori amatoriali e quelli professionali abbiano abbandonato il campo, mettendo però a disposizione i programmi gratuitamente.
Oggi per me è il portatilino più comodo in caso di appunti e accessi a biblioteche e simili, se non uso il Flybook, perchè anche se la tastiera assomiglia a quella del pc-folio come scomodità, la struttura estremamente compatta, la velocità di lavoro, e le gestionalità avanzate del software lo rendono molto comodo e ancora un ottimo strumento, a parte la funziona cellulare ancora accettabile.

8. Palm m125 e Nokia 5210

palm m125 nokia 5210

Il peso del Nokia 9110 era notevole, la dimensione considerevole come cellulare e il prezzo decisamente non abbordabile come oggetto di uso comune, pertanto la mia scelta è caduta su l'accoppiata Nokia 5210 e Palm m125.
Palm OS® software v 4.0
Capacità di memoria 8 MB
Infrarossi
Slot di espansione Secure Digital/MultiMediaCard e connettore universale
Base USB HotSync®
Agenda, Rubrica, Impegni, Blocco note, Appunti, Orologio, Calcolatrice
MultiMail SE, Palm Reader, Pocket Mirror 3.0, AvantGo's Web Channel Manager, DataViz Documents To Go v 3.0, MGI PhotoSuite Mobile Edition
L'ingresso nel mondo palm os, nonostante il rispetto per i sistemi come quello della nokia, ha determinato una passione imperitura...
La stabilità, la chiarezza ed economia di utilizzo ed installazione, la funzionalità e la piacevolezza dei sistemi palm determinano da smepre la mia preferenza per questo lato oramai oscuro della forza dei palmari, oscuro perchè la battaglia con pocketpc è persa, nonostante la differenza abissale e, secondo me scontata, di qualità.
Il Palm m125 era uno dei più avanzati con schermo bianco e nero, o meglio grigio, ed aveva già ottimi strumenti di gestione con agenda, rubrica, sistemi digestione, svago e una nutrita schiera di programmi free e non, scaricabili da web. Montava già la prima versione di Documents to go, in grado di visualizzare, modificare e sincornizzare i documenti di Office.
Il nokia 5210 credo fosse il miglior telefono bianco e nero mai prodotto: non si rompeva (anche se avendo avuto fino ad alloar degli alcatel ero abituato al meglio), resisteva agli urti e all'acqua, aveva molte funzioni tra cui anche la chiamata vocale e i gruppi, e il tutto ad un ottimo prezzo.

9. Handspring Treo 180

treo 180

La peculiarità del palm m125 e del nokia 5210 fu che dovetti acquistarli due volte per un bastardissimo furto a mio danno sul lavoro, mi rubarono il borsello con tutto dentro... mesi di straordinari per ricomprare le stesse cose, ma col tempo presi una decisione: avere un oggetto unico.
* processore Motorola Dragonball VZ a 33 MHz;
* 16 Mbyte di RAM;
* sistema operativo Palm OS 3.5.2H;
* dimensioni: 110 x 69 x 18;
* peso: 147 grammi;
* video monocromatico (16 toni di grigio), 160 x 160, retroilluminato;
* connessione al computer (PC o Mac) tramite porta USB o seriale;
* telefono cellulare GSM 900/1800 MHZ;
Il treo 180 montava tutti gli strumenti dell'm125 avendo in più la funzionalità telefono e navigazione web integrata: veramente ottimo. Il sodalizio con questo strumento non si è più fermato.
Ricordo di averlo acquistato al Panorama di Parma, di certo non un luogo specifico per l'elettornica, dopo qualche mese aveva un problema nell'audio, la Handspring mi ha sostituito l'unità in garanzia.
La tastiera integrata finalmente mi permetteva di poter scrivere in movimento avendo in un solo strumento tutto! Quello che non era possibile per la dimensione e il peso del 9110 lo diventava con il treo 180. Ottima la rubrica, gli sms tutti salvati, la velocità delle applicazioni, il software, i documenti word, la sincronizzazione che permetteva di non pedere mai nulla, insomma il supergadegt che però era realmente utile, non solo tecnologia pur tecnologia. Il nokia 5210, è stato utilizzato dalla mia ragazza fino alla sua perdita (sigh), l'm125 e il treo 180 sono stato venduti a Bologna nel 2004 ancora funzionanti!

DA COMPLETARE

10. nokia3650 nokia 3650


11. treo 600 treo 600


12. casio EM505i casio


13. Eten P300 eten p300


14. FlyBook A33i flybook A33i


15. Treo 650 treo 650

16. PSP

17. Treo 680

18. HTC P3300

19. Iphone 3G

20. Palm Pre

21. Palm Pixi Plus

22. Iphone 3GS

23. Palm Pre Plus

 

Oggetto Data Acquisto Durata
1. Orologio Emit 1983? Direi che la data di acquisto risale ai tempi del liceo se non prima, ed è ancora in grado di funzionare anche se da anni è in archivio.
2. Orologio Casio 1989? Acquistato alcuni anni dopo l'Emit e utilizzato per molto tempo, fino all'arrivo dei traduttori/agente; ma come orologio basta funziona e lo utilizzo tuttora!
3. Altri orologi 1985 ? Sono alquanto distrutti, ma credo che inserendo le pile sarbbero ancora funzionanti.
4. Calcolatore Altroconsumo 1986/1987 ? Un po' faticoso cambiare le pile ora e fare recepire l'utlizzo dei tasti, ma ancora funzionante, volendo.
4bis. Traduttore 1988 ? Molto dispendioso per le pile, ma funzionante, anche se archiviato per ora,.
5. Atari Pc-folio 1990? Molto utilizzato, anche come rubrica elettronica, fino al 2000, poi sostituito daicellulari moderni... però dalla fine degli anni novanta hanil difetto dello schermo in apertura, piuttosto fastidioso per un utilizzo odierno, per cui è archiviato.
6. Memorex Supermini 1997 Superutilizzato per la tesi (fine 1998), tuttora funzionante, ma data la sua memoria ridotta ora utilizzo nel caso: il treo 650, il nokia 9110 o il flybook.
7. Nokia 9110i 1999 Decisamente ancora funzionante, ma mai utilizzato davvero come cellulare, la batteria fa un po' fatica, in ogni caso lo ricarico al bisogno per cui è in panchina.
8. Palm 125 e Nokia 5210 2001/2002 Erano perfettamente funzionanti nel 2004, ma uno è stato venduto e l'altro regalato e perso, pur funzionando benissimo fino all'ultimo... sigh
9. Palm Treo 180 2002 Venduto, ma funzionante fino al 2005 sicuramente.
10. Nokia 3650 2002 Venduto a parenti: ieri era ancora perfettamente funzionante!
11. Palm Treo 600 2003 Lo utilizzavo fino a novembre 2007, venduto funzionante!
12. Casio E505i 2004 Messo in vendita, funzionante anche se con bateria rapida ad esaurirsi
13. Eten P300 2005 Venduto, ma a parte la batteria funzionava perfettamente.
14. Flybook A33i 2005 è il portatile che utilizzo ora e con cui ho scritto buona parte di questo pezzo
15. Treo 650 2006 è il cellulare che utlizzo tuttora,  per navigare il web, come sveglia, come sostituto
16. PSP 2006 console soprattutto per giocare, ma non solo!
17. Treo 680 2007 è il mio cellulare fino al settembre 2009
18. HTC P3300 2007 il cellulare per navigare e guidare con il GPS
19. Iphone 3G 2009 l'ottimo smartphone della Apple, mio cellulare di appoggio dal 2009, cambiato poi con il 3GS
20. Palm Pre 2009 il grande nuovo arrivo Touch della Pre con sistema WebOS, mio cellulare dal dicembre 2009 al febbraio 2011
21. Palm Pixi Plus 2010 il piccolo nuovo gioiellino della Palm, da vedere e provare assolutamente, tecnologia concentrata!
22. Iphone 3GS 2010 il successore del 3G più veloce, mi è utile per certe App
23. Palm Pre Plus 2011 il nuovo HP - Palm con più memoria, ora il mio Cell

Nota sulla diversità palm – pocketpc

Pocket Pc (Sistema windows mobile o altri) 1. molte versioni (palm 3.5 e 5)
2. salva i programmi anche su pc, questo è comodo se devi reinstallare, ma scomodo per spazio e confusione
3. sul pocket mette vari file in varie cartelle esattamente come windows, con rischio di non riuscire a disinstallare, avere versioni errate etc etc, non uno o pochi come palm
4. i file di installazione sono compatti e compressi mentre la maggior parte del palm si vedono fisicamente
5. non si possono cambiare le installazioni su scheda o su ram da pocket, su palmare spesso sì
6. i backup sono lunghi e non si possono fare spesso come palm
7. spesso va in blocco e qualche volta perde del tutto il sistema (Ogni tanto il Pocketpc perde tutta la carica, però funziona bene il recupero da backup su mmc)
8. non comodo il passaggio a solo pocket senza cellulare
9. idea di programmi in task, utile per passare da un all’altro, ma scomodo per prestazioni
10. il pocket è in grado di utilizzare hardawre più potenti e con ppiù periferiche (es. wifi), ma la sua stabilità ne risente e con questo non fa che assecondare il sistema solamente commerciale, non pratico e funzionale, della vendita hardware...

In definitiva il Pocketpc può di certo tendere a windows con programmi similari ma light e pertanto può caricare le dll utili per molti tipi di hardware, diversamente dal sistema Palm che non riesce a seguire l'hardware aggiornato.... però la stabilità e le prestazioni palmos sono molto migliori, il parco software è enorme e il funzionamento dei songoli programmi è decisamente buono, così come la disinstallazione: è quasi perfetta, cosa che non si può assolutamente dire del pocketpc.

PORTATILI

Sicuramente i portatili sono un'ottima strumentazione, io lo uso per lavoro e dovendo muovermi su più città avere un ufficio mobile ed adattabile è estremamente funzionale, oltre al fatto di poter accedere ai contenuti anche da casa per qualsiasi evenienza... Però anche se il portatile classico porta con se la funzionalità e le prestazioni di un pc dell'epoca di uscita risulta sempre ingombrante e pesante negli spostamenti, pertanto la mia passione per i palmari rimane superiore, nonostante l'impossinilità di utilizzare gli stessi software del sistema windows o linuc del pc.
Forse gli ultraportatili o micropc (OQO, Samsung Q1, Sony UX180P) del futuro risolveranno questo dilemma; per ora però la differenza di funzionalità è troppo alta: poche risorse per software pesante (grafica, video, svago) e periferiche input di difficile utilizzo (tastiere virtuali o limitate).

1. Olidata 386 - circa 1995
2. Compaq pentium II - 1998
3. Pentium III - 1999
4. Olivetti pentium II - circa 2001
5. IBM R40 - circa 2003
6. IBM T30 - circa 2003
7. (digital HiNote 486 x linux/win95) - 2005
8. Flybook A33i - 2005
9. IBM 600E - 2007
10. Acer 5520G - 2007
11. Samsung Q1 - 2008
12. Acer Aspire One A110L Netbook 8gb ramdisk - 2008
13. Raon Everun S60H? -2009
14. Flybook VM - 2010

Non dispongo più dei dati di ognuno, ma posso dire che l'Olidata era un buon prototipo, mancava però di una ventola per il processore, pertanto dopo un po' di lavoro si bloccava, aprendolo, praticando alcuni buchi ed aggiungendo un a ventola che si agganciava al cavo del pc la situazione è stata risolta, l'ho venduto come usato ad una giornalista parecchi anni dopo la sua uscita, con il suo Windows 3.11.

Il Compaq usato è stato il primo portatile che poteva montare windows 98, non aveva una grande batteria e potenza, ma era comunque piacevole da usare, l'ho venduto ad un amico che credo lo utilizzi ancora.

Il Pentium III non ricordo di che marca fosse, comunque era una sottomarca, però aveva buone funzionalità, l'ho usavo quando ero imprenditore tecnico informatico, è stato venduto come usato e passato di mano una seconda volta prima di essere rubato, però credo che questo identifichi un buon successo del pezzo.

L'Olivetti era una mascchia vecchia e usata, con il lettore cd estrerno, però era piccolo e ben funzionante, con qualità ottima, cose che ho rilevato su pc olivetti desktop, funzionanti in tutte le loro parti e ben performanti anche dopo dieci anni, con perferiche all'avanguardia; è ora in Africa, spero che serva ancora ai suoi scopi.

Con l'IBM si passa al top delle mie esperienze, non ho mai trovato strumenti migliori per qualità e funzionalità, anche se c'era una profonda differenza tra la fascia R a basso corsto e la T al top della specie, il T30 pur essendo vecchiotto faceva girare software che il mio HP della ditta del 2005 fa tuttora fatica ad accettare. Entrambi sono stati venduti agevolmente come usati di recente, l'utente ebay che ha ricevuto il T30 è stato colpito dalle sue capacità, la velocità, la lucina sui tasti per lavorare di notte, lo schermo e il buon equilibrio dei componenti lo rendono da allora il mio consiglio per i portatili.

Il 486 era un esperimento per .linux, ma l'impossibilità di passare i dati se non per cavo seriale e la pochissima memoria, meno i 8mb credo, dopo vari tentativi mi hanno fatto optare per un ben funzionante windows 95, l'ho regalato, ma purtroppo era un po' delicato e credo abbia smesso di funzionare nel 2005.

Il flybook A33i è l'ultimo portatile che ho acquistato per me, nasce dall'esigenza di poter lavorare in treno, purtroppo sono un pendolare, e dal salvare la mia schiena e le mie spalle... direi ottimo, ipercollegabile, veloce, piccolo ma senza mancanze, solo troppo costoso.

L'IBM 600E comprato come occasione derivava dall'esginza di fare un regalo a mio padre perchè potesse navigare il.web, vedere i film in divx, le foto e sentire i cd... con l'aiuto di tcpmp finalmente sono riuscito a far funzionare i film a dovere nonostante i. processore non velocissimo; però credo di poter dire asnche in questo caso che l'ibm aveva creato un'ottima macchina, eccezionale per l'epoca di uscita e funzionale ancora ora (1024x768 ram cpu).

 

 
Di Alex (del 01/03/2012 @ 14:34:19 in Help Informatico, linkato 4284 volte)

Ricordo quando con il mio Nokia 6120 ascoltavo la radio sull'auto, utilizzando come antenna un auricolare strappato...

Cosa possiamo fare con dei "vecchi" smartphone o cellulari ?

Il mioTreo 650 mi ha accompagnato in Guinea, aveva un batteria che durava tre o quattro giorni, poteva fare foto, video e registrare suoni ambientali. Certo non era all'altezza della qualità dei device di oggi, ma non mi preoccupava nel caso di rottura o perdita. Potevo scrivere messaggi a casa e ho potuto scrivere un piccolo diario del viaggio, cosa che poi ho fatto in Marocco con il Palm Pre, aggiungendo però la possibiltà di spedire le foto in tempo reale del viaggio...

Inoltre il Treo mi aiutò molto in un viaggio in Irlanda poichè pur non avendo il GPS possedeva con Mapsonic delle mappe consultabili e zoomabili, pertanto, una volta trovato un riferimento comune, potevo girare tutta Irlanda senza problemi!

Cosa simile fece il nokia 6120 in Sicilia, dove, per lavoro, dovevo trovare in poco tempo vari luoghi, non ero riuscito a far funzionare un antenna Bluetooth, ma tramite la connessione 3g e Google Maps per Nokia, unito alla funzionalità A-GPS (ossia tramite la cella teleofnica), mi sono salvato in più di una occasione!

Detto questo vediamo di fare il punto.

I cellulari inutilizzati possono essere valorizzati in questo modo (tralasciando la parte telefonica fin troppo ovvia):

  1. per scrivere testi, se dotati di tastiera fisica, oppure in unione ad una testierina Bluetooth, ed in presenza di programmi come Doc To Go;
  2. come navigatori gps, se possiedono questa tecnologia e un programma con mappe, anche se non aggiornatissime;
  3. come fotocamere, se hanno almeno una 3Mpx anche con la funzione Motion detection per sorvegliare;
  4. come Hotspot wifi, ossia collegandosi ad internet e regalando la connessione ad altri pc con wifi, la cosa funziona bene, io utilizzavo il browser ed i servisi sul Treo 680 con il nokia 6630 o 6120 tramite bluetooth, però occorre un piano di spesa telefonica apposta, meglio se a forfait;
  5. come radio, Fm o da web
  6. come strumento di riproduzione multimediale
  7. come radio sveglia, orologio e stazione meterologica

I Nokia di una certa età (tipo 6620, 6630, 6120), ma non troppo, montano però delle ottiche Karl Zeiss, quindi sono ottimi come fotocamere e con il software SPY! sono ottimi motion detection per sorvegliare e foografare il movimento, inoltre spesso sono dotati di radio con rds, quindi molto comodi come strumento veloce in viaggio con l'auto, ad esempio. Se si riesce ad agganciarli ad un GPS con TomTom o altro navigatore possono poi aiutare nella guida. Se poi sono ancora della serie con il Symbian 60 esiste una applicazione (tipo Spycam) che risulta molto comoda: una volta posizionati ed avviata l'app, la fotocamera rileva il movimento ed in caso di segnalazione può fare un allarme, inviare mail o sms! Molto comodo quando si fa un viaggio!

I Treo della Palm (600, 650, 680 o 7 con windows mobile, ma quest'ultimo tipo non l'ho avuto...), possono scrivere comodamente con la tastiera, sono poco utili per musica e foto, ma possono ad esempio lanciare applicazioni del catalgo Palm, che erano comodissime... inoltre possono avere un utilizzo come lettori di Sd card, soprattutto il 650 ha un sistema comodissimo per mettere e togliere le schede, però ricordo che occorreva un programma apposta per rendere disponibile la lettura della sd tramite cavo USB...
Si può sempre utilizzare come sveglia.
Possono essere utilizzati come lettori di ebook.
Io poi possiedo una tastiera completa pieghevole a dimensione e tasti come quella di un portatile da agganciare tramite l'infrarosso al Treo, una fig...

I più moderni, nell'era dei social, Iphone, Pre e Android, magari non sono ancora inutilizzati, ma vediamo dopo....

Gli Iphone, se tralasciamo il fatto che valgono sempre molto, quindi non è male l'idea di rivenderli su ebay, sono strumenti ottimi come lettori multimediali, vista la qualità del suono, e, dal 4 in poi, anche dello schermo. Fanno ottime foto e video. Possono gestire file di ogni tipo, anche se in mancanza della tastiera fisica non penserei ad un utilizzo per la scrittura, a meno di utilizzare una tastierina bluetooth. Per l'intrattenimento sono ottimi, inoltre, fino ad adesso, non scordate che il 3g ha le stesse possibilità software del 4 e 4s.
Sono ottimi anche come navigatori GPS, con moltissimi programmi da scegliere. Agganciati tramite gli appositi dock si trasformano in ottime radio, stereo e lettori mp3.
Buoni come lettori di Ebook con Stanza o altro.

I Pre (Pre, Pre Plus, Pre 2... Pixi) sono sempre utilissimi per scrivere grazie alla tastiera, se poi si riesce a montare Scratch o Picsel Office possono anche editare i file di MS Office (Word). fanno foto e video niente male, e sono decenti per i file multimediali (ad esempio con kalemsoft player), hanno però la grande capacità, molto più semplice di quella dell'Iphone, di fare il tethering, ossia rendere disponibile la loro connessione 3g tramite wifi, con app come Free tether del Preware o hotspot del catalogo Hp / Palm. 
Non male come lettori di ebook, anche se le applicazioni dei Palm erano grandi e Stanza li batte tutti.
Ottimi anche, sul comodino, per visualizzare l'ora notturna (magari sul Touchstone), con la sveglia mp3 o radio, e per vedere subito il tempo previsto.
Inoltre funzionano ottimamente con un programmino per utilizzare le mappe offline con il GPS, il mitico NavIt!
la loro dimensione li rende ottimi da trasportare anche con i vestiti minimali, e da appoggiare in auto come navigatori.

Infine gli Android, se si parla degli ultimi  e delle fasce alte oltre a tutto quello che si è detto per gli altri, ossia fotocamera (e Motion detection), scrittura con tastiera bluetooth (o fisica come l'HTC chacha) e Doc to go, RADIO FM e web, lettori multimediali (però nulla a che vedere con l'iphone), navigatori GPS (traendo vantaggio anche dagli schermi molto più ampi degli altri), lettori di ebook (ottimo lo schermo ampio), montano anche le schede microSD (Iphone e Pre no), quindi possono essere utilizzati come lettori di microSD ed avere in dotazione fino a 32gb, hanno un ottima capacità di tethering ossia di condivisione internet con wifi, ed infine, cellulari come LG Optimus Dual e soprattutto il Samsung Galaxy S2 possono dove gli altri non arrivano: possono collegarsi tramite HDMI agli schermi in alta risoluzione, quindi diventare lettori multimediali (o playstation) senza limiti, e, soprattutto il Galaxy s2, è in grado di leggere dalla sua porta microUSB (tramite un piccolo convertitore OSD) chiavette e dischi rigidi esterni!

Per assurdo quindi, ma dovrei fare alcuni test, potrei agganciare un disco serial ATA da 1TB tramite usb al Galaxy s2, poi mettere il cellulare in rete sulla rete wifi e avviare la consivisione delle periferiche su wifi (con Wifi File Explorer che consente di vedere i dischi android da navigatore web del pc agganciato alla stessa rete wifi) ottenendo che il Galaxy trasforma una periferica USB in una WIFI!

 
Di Alex (del 22/10/2010 @ 13:43:36 in Informatica, linkato 841 volte)

A qualche giorno ancora prima dell'uscita del Palm Pre 2, vediamo qual'è l'esperienza con il Palm Pre.
Innanzitutto si può vedere come il Palm, Pre 2 ha mantenuto la tipologia migliore di scocca finora creata da HP-Palm, ossia quella avvolgente in gomma del Pixi, perdendo lo sportellino inutile della microUSB.
Infatti oltre a perdere lo sportellino il mio Pre a quasi un anno dall'acquisto come usato (poco comunque), ha una fessurina che parte dall'angolo dell'apertura della microusb e punta inesorabilmente verso lo schermo, il che è alquanto inquietante e fastidioso...

Ritengo quindi che la scelta per il Pre2 sia ottima, e garantirà una notevole durata al uovo smartphone.

Rispetto invece alla solita mancanza di lancio del Pre2 in Italia ed al fatto che le App a pagamento ancora non si possano scaricare anche se vi sono comunque una certa quantità di utilizzatori, la cosa mi infastidisce molto, visto che mi costringe a basarmi solo sulle homebrew e sui programmi scaricati, e la cosa rende comunque poco appetibile l'utlizzo del Pre al posto di un ottimo Iphone in grado di fare qualiasi cosa oramai (non ho provato Blackbarry e Android, né penso che lo farò).

 
Di Alex (del 09/05/2010 @ 12:54:26 in Consigli tecnici, linkato 1069 volte)

Ok, direi che ora ci siamo.

Pre1

La versione Webos 1.4.1.1 è stabile, apre i task molto bene e mantiene bene più programmi attivi, anche se, da buon tecnico, sono abituato a chiudere sempre tutto dopo l'utilizzo...

Certo mi ricordo Windows Mobile che tiene tutto aperto, ma non in vero task utilizzabile, solo non chiuso per cui se ti salta il software, il che è facile in windows mobile, perdi tutto, inoltre la memoria si riduce da spavento...

Qui la grande novità del webos è che i programmi li hai aperti sul desk, esattamente come i pulsanti sotto di windows e ci torni quando vuoi!!!!

Puoi stoppare un film, un gioco, un'applicazione e ci torni appena puoi e vuoi!

Mancano solo:

  • le applicazioni a pagamento (già attive in America ed in alcuni paesi europei), che già sono quasi pronte per supplire un buon editor di file office, un lettore di ebook e una navigazione offline gps in 3d,
  • siamo lontanini però da un buon programma di sync, bello come PalmDesktop o iTunes, certo MissingSync della MarkSpace è grande peccato che non funziona a dovere e dopo qualche apertura non si apre più, è l'unico in definitiva che  sicnronizza tutti gli elementi, e non solo quelli legati al suo account specifico (a parte per gli appuntamenti, si noti che il webos si basa sugli account web e non per saslvare i prorpi dati, per cui ad esempio ricostruisce la rubrica con gli account palm, google, facebook....),  sincronizza anche files e immagini in automatico... però per 39,95€ si spera risolvano i bugs!!! Per ora è meglio laciarlo stare....

Comunque appena arriverà qui in Italia il Pre Plus, sappiate che è il meglio ora,  e con la Palm acquisita da HP non si teme più nessun fallimento!

Forza Palm!

pre2

 
Di Alex (del 20/04/2012 @ 12:53:43 in Help Informatico, linkato 972 volte)

Benchè aprirlo sia stato abbastanza facile, e ricostruirlo in parte più difficile, il fatto è che pur riavviandolo aperto è ancora più pazzo!

Credo sia certo che non è il software a dare impulsi impazziti al Touch, prima dell'apertuta ho installato il dualboot con android, anche se questa versione è senza touch, qualsiasi ritorno al webos portava a picchi di autotouch incredibili, peggiorati dopo l'apertura, ma non è chiaro se sia una forma di magnetizzazione, o qualche minifascetta che invia impulsi strani...

Webos presto (a settembre) diverrà Open, speriamo che possa avere un futuro, l'hardware è davvero bello e funzionale, al di là del problema del Pre, avrebbe avuto senso che Hp producesse ancora SmartPhone e Tablet con WebOs e Android in dualboot!

Se davvero Openmobile crea un sistema ACL portando le applicazioni Andoird su Webos, vale la pena riprendere la produzione di hardware al più presto!

 
Di Alex (del 05/02/2011 @ 11:09:28 in Consigli tecnici, linkato 1566 volte)

Navit sui Palm Pre, Pre + e Pre 2.

NavIt è l'univo programma per navigazine in 3d, con guida vocale e mappe offline, per Palm Pre.

Per installarlo occorre Preware montato sul Palm.

Occhio però che solo alcune mappe funzionano, e i file sono da posizionare in: appdata/org.webosinternals.navit/maps.

 
Di Alex (del 18/03/2012 @ 10:26:20 in Help Informatico, linkato 1772 volte)

HP TOUCHPAD, ANDROID E MODDING.
Ho installato Android Cyhanogen 9 ICS in poco tempo, 10 minuti!
ho seguito questa guida: http://liliputing.com/2012/01/how-to-install-android-4-0-on-the-hp-touchpad-cyanogenmod-9-alpha.html e messo la update-cm-9.0.0-RC0-Touchpad-alpha0.6-fullofbugs la 9 alpha:

  1. installare l'ultima suite java
  2. installare i driver Novacom (con il tool Novacom Installer)
  3. fare il Downoad di ACMEINstaller, Moboot, ClockworkMod e gApps SOLO la gapps-ics-20120215-signed.zip, le latre creano errori o loop
  4. mettere ACMEInstaller nella cartella di Novacom (di solito sotto c:\Program Files\Palm, Inc)
  5. attaccare l'hp Touchpad come USB disk
  6. copiare tutti i file .zip scaricati in una cartella da creare "cminstall"
  7. riavviare il Touchpad premendo il volume + entrando in questo modo in modo debug USB (solitra freccia usb)
  8. avviare accessori, cmd come amministratore ed entrare nella cartella Novacom
  9.  lanciare questo comando "novacom.exe boot mem:// < ACMEInstaller2" che installerà il doppio avvio e la partizione Android
  10. al riavvio si presenta per pochi secondi un menu navigabile con i tasti menù e con scelta con il tasto home
  11. selezionare "install a zip from SDcard” scegliere cminstall ed installare gli zip nella cartella, e per ultimo il gapps
  12. all'avvio fare la procedura per il ripristino dell'utente Google e dell'avvio del wifi e tutte le vostre app Android, tranne quelle non compatibili, saranno pronte!
  13. Bere un buon The! e brindare ad un ottimo tablet con i due sistemi operativi migliori sul mercato...
  14. >Unica cosa che non funzionerà: la focamera, per me inutile in un tablet fatto solo per navigre e leggere, e alcuni giochi 3d...

Ho effettuato un modding i quanto il tablet di design con la sua scocca lucida e scivolosa mi infastidisce sia a tenerlo in mano sia ad appoggiarlo, con l'aggiunta di un copritastiera di gomma unito tramite 4 strisce di scotch biadesivo forte non mi occorre il case (che da solo pesava un totale), ma ho comunque un tablet comodo da impugnare e posare!

 

ROOT DELL'HTC CHACHA in pochi minuti.Procedura con S-On in cui si sblocca l BootLoader. (Guida da http://www.computertechplace.com/unlock-and-root-htc-chacha/)

  1. Installare i driver USB, semmai installando HTC Sync (sarà utile anche installare aSDK, tool di sviluppo android)
  2. iscriversi all'HTC developer center
  3. selezionare Unlock bootloader e il proprio tipo di HTC (Chacha) per scaricare la corretta versione (sincerarsi dei dati osservando su le versioni varie)
  4. scaricare il file exe ruu che procederà nei primi passi una volta avviato (e vi seguirà in tutta la procedura guidandovi sia con il software sia da web)
  5. riavviare l'HTC premendo Power e Volume - accedendo ad una schermata di gestione, dove si seleziona, con i tasti volume e il pulsante power, fastboot
  6. occorre quindi scaricare i file appositi abd drivers e lanciarli da dos Cmd "fastboot oem get_identifier_token"
  7. ottenere così il Token identificativo da clopiare e mettere nella sezione del devCenter HTc che lo attende
  8. dal sito viene scaricato un file apposito che avviato sbloccherà il BootLoader
  9. fatto questo si può fare il Root: mettere l'HTC in UDB debug
  10. scaricare DooMLoRD_v4_ROOT-zergRush-busybox-su
  11. lanciarlo e abbiamo il root e la app superUser :->


IL Palm Pre IMPAZZITO o cosiddetto Ghosted, ossia con un fantasma che provoca touch sullo schermo senza controllo, bello il commento che lo definiva "infuriating", in effetti cerca di telefonare, mandare messaggio e così via e perde l'uso dello schermo touch in basso a sinistra...
Il problema, che se ne dica, è del tutto hardware, o dovuto al movimento flip che ha usurato qualche contatto o staccato qualche cosa (viaggio in Marocco con caldo, polvere e posizioni non comode) e/o da un sovraccarico (io ho utilizzato sia un caricartore usb diverso dell'HTC Chacha sia ho deciso di utilizzare una batteria doppia che avevo acquistato tempo fa).
Metodi come il test dello schermo (che conferma che alcune parti del touch falliscono) o Uberkernel overclock a 1ghz falliscono e sono quasi sicuro anche doctor (ossia ripristino del sistema) o reset, come leggo da vari forum.
Ad alcuni è accaduto poco dopo l'utilizzo, io invece l'ho acquistato nel dicembre 2009, utilizzato per un anno, poi ogni tanto acceso e riutilizzato l'estate 2011 per il viaggio in Marocco, ho provato la batteria doppia a fine 2011 e visto questo effetto poco dopo, ma ci sono tornato solo ora.
L'unico modo per intervenire è applicare il palmo della mano intero sullo schermo e premere in maniera uniforme verso la batteria, funziona anche con colpi successivi, ma poi l'effetto dura meno, questp mi fa pensare appunto ad un contatto usurato o allentato, in quanto dopo un po' o all'apertura della flip il problema si ripresenta... Se riesco aprirò il Pre e sono quasi sicuro di riuscire ad intervenire a quel punto...

MI MANCANO I PRE, devo dire che android via, se non fosse per il market e il lento morire di WebOS: forum non più vivi, progetti di porting Android fermi al 2010, 11, sviluppo applicazioni molto diradato e soprattutto quasi esclusivo per Touchpad e da parte di Homebrew..
Ma la consistenza del sassolino, la comodità di un terminale potente, senza limiti con accesso da una sola mano (il pollice copre tutto lo schermo) e la tastiera fisica velocissima... inutile qualsiasi versione anche slide di immissione virtuale porta il 30% di errori endemici e lentezza assoluta, la tastiera reale si ferma al 10% di errore ed è velocissima, solo che in Android nessun hardware con tastiera slide (l'unica decente) èall'altezza di quello che può fare il WebOs o un Android normale con lo schermone...
Mi manca la velocità di chiusura delle App., senza dovere sempre avere una App che controlla la memoria di utilizzo, la quale si rimepie anche nel Galaxy s2 e se scende sotto i 200mb si ferma tutto!!!

 
Di Alex (del 25/08/2010 @ 09:37:31 in Informatica, linkato 1380 volte)

Il Palm Pre, ed il Palm Pre Plus certo non stanno avendo il dovuto successo stretti, come sono, da avversari incalliti come i telefoni Android, i Blackberry, i Nokia e i vari modelli Iphone (i Windows Mobile sono decisamente in calo e poco interessenti a parer mio).

Di certo la mancanza di programmi sviluppati ad hoc e le difficoltà economiche dell'azienda, che hanno limitato il lancio degli smartphone solo in alcuni paesi, infatti manca l'Italia, rendono difficile la diffusione di questo strumento che, pur non essendo un Cult, un oggetto di moda, ha un bel design ed è decisamente molto funzionale e con potenzialità di programmazione ed utilizzo veramente interessanti!

Bene, nonostante la frustrazione di avere un ottimo prodotto tra le mani senza poter utilizzare gli applicativi a pagamento che ne possano sfruttare appieno le funzionalità (per me e per tutti gli italiani e gli altri abitanti di nazioni ove il Palm Pre non è distribuito); devo dire che grazie a Preware e ai programmi sviluppati dai programmatori "Home" (sito Precentral), ed a qualche applicativo gratuito accessibile sul catalogo ufficiale dal mondo, finalmente il sassolino, come viene definito, ora funziona dovere.

Se è vero che ancora molti produttori non hanno portato i loro software sulla piattaforma webos, è pur vero che ora si possono elaborare i documenti di word (Scratch), navigare con simulazione 3d in GPS con Navit, accedere al pc con VNC e utilizzare alcuni giochi di ultima generazione 3d.

Certo noi italiani per alcuni strumenti ci dobbiamo affidare a dei file ipk distribuiti in rete di sfruso, in quanto la Palm (ora anche HP) non è ancora riuscita ad entrate nel mercato del bel paese (mah bello oramai pochino) però siamo vicini ad avere le funzionalità a buon punto.

Sistema Aperto
Se consideriamo quindi che a breve si passerà alla versione 2.0 del webos, che promette molte cose in più, sono in preparazione vari hardware nuovi, e le applicazioni aumentano e migliorano giornalmente (è previsto l'arrivo di quickoffice!) possiamo considerare che il Webos risulta essere forse l'unico os per smartphone veramente aperto, in cui la stessa Palm Premia e promuove gli Homebrew e le applicazioni non ufficiali spesso superano quelle ufficiali nel coprire mancanze e potenzialità.

Questo non si può dire degli altri os, che comunque bloccano, più o meno direttamente, le funzioni dei loro hardware e dei loro OS, si veda il Bluetooth dell'Iphone sbloccato dopo più di un anno, i molti smartphone Android che non permettono variazioni all'OS, la Apple che cancella o blocca la distribuzione di software che ritiene non piacevoli al suo mercato (=Opera), senza parlare del sistema Nokia (il Symbian), che è blindatissimo.

Certo per ognuno esistono sistemi di crack, ma in nessuno esiste un supporto per chi sviluppa a casa, e questa era una politica della Palm fin dai primi Palmos, tanto da avere cataloghi per palm OS di centinaia di migliaia di applicazioni, il che ha aiutato la necessità di avere sia su PalmPre che su Iphone e Nokia e Windows Mobile la presenza di un emulatore di PalmOS!

Sincronizzazione
Alla lunga poi mi sono accorto che
avere un sistema come Itunes che davvero permette di gestire i media sul pc e sincronizzare tutto su Iphone (come il vecchio Palm Dektop), ma d'altra parte verifica continuamente e blocca le funzioni che non piacciono alla Apple, ha bisogni di continui aggiornamenti, non permette di aggiornare il telefono a pena di perdere tutti i sistemi per l'homebrew e ad ogni pià piccola variazione deve sincronizzare tutto lo smartphone per parecchio tempo, scoccia non poco.
Esiste Missing Sync per Palm Pre, che simula un buon Palm Dektop anche per media e altro, ma risulta interessante più che altro per salvare i comntenuti.
Il Pre aggiorna i dati, le applicazioni e il sistema online, senza inteferire sulle cose già installate, a parte le patch ed il kernel ovviamente (tranne che esistiono programmini per ripristinare tutto come era in pochi minuti), non necessita di sincronizzare avendo bisogno di unl pc e di un software specifico e di non utilizzare il telefono nel frattempo (fa tutto in background!).
Inoltre il trasferimento dei files su Iphone è veramente fastidioso per quanto sia bloccatissimo e mutuato da ITunes (esistono alternative come Iphone browser e WinSCP, ma con che lentezza!) mentre il Pre ha la possibilità di condividere il disco solo connettendolo all'USB con una ottima velocità di trasferimento.

Inoltre devo dire che Preware funziona velocemente e senza errori, mentre Cydia si impalla, ci mette moltissimo ad aggiornarsi ed è la seconda volta che si blocca sul mio Iphone non permettendo più aggiunte ed aggiornamenti, merito credo, della difficile dinamicità dell'OS nell'accettare le modifiche esterne, il contrario, da che vedo, del WebOS, ad esempio con UberKernel che permette di overclokkare l'Os e migliorare di moto le prestazioni anche solo del Pre normale.

 
Di Alex (del 19/02/2011 @ 08:53:33 in Help Informatico, linkato 1433 volte)

Mi è capitato di provare a passare da un Palm Pre ad un Pre Plus.
Il problemera che volevo fare il passaggio senza cambiare il profilo Palm, quindi senza la possibilità di recuperare gli account e i dati dal Palm profile.
Ecco la sequenza delle azioni:

  • NB ho fatto un scandisk per assicurarmi che il disko fosse a posto, essendo un 16gb.
  • Ho reinstallato le varie applicazioni, una da una, scoprendo che, nel empo, alcune non sono più disponibili sia su App Catalogue sia su Preware, quindi occhio.
  • Rimessi i vari  account in: Mail Calendario e Contatti e i I feed dell'RSS
  • I vari account dei singoli programmi come AuctionMate, GoAruna, Boxalicoius, VNC impostazioni, abbassare filtro googlesearch e pictureit, Tunein da fare account, Facebook, Evernote... 
  • Ho creato i files di rispristino con Save/Restore della Preware, copiato il file su saverestore nuovo e fatto il rispristino (giochi, link explorer...) (attenzione ripristina anche icone, aggiustarle dopo)
  • NON HO TRASFERITO PROFILO otterrei credo anche sms, account e sicuramente i CONTATTI Palm Profile, per riavere i contatti del Palm Profile  ho usato esporta via mail Patch nei contatti ottenuto cvf ho importato da Yahoo rubrica così, una volta fatta la sicnronizzazione con l'account yahoo, che era vuoto, ora è tutto a posto! (PS yahoo copia senza che si possa modificare, però a parte 3 errori tutti importati!)
  • Copiato ClassicApps ma dovrò, credo, reinstallare i file (CorePlayer, Documents to go, eReader, RESCO explorer, MultiUser, TomTomNavigator, PalmVNC, RoadLingua, SplashID, TomeRaider, UDMH, Universe - MHII, Spider, War...), Classic è in grado di fare un file backup, portandolo sul nuovo Pre il ripristino funziona perfettamente, ma va trovata soluzione per licenza che non è più richiedibile!
  • Copiare i vari files di immagini video, backup connettendo i due palm come unita usb
  • Tolto le notifiche da Mail e rss
  • Reimpostare le varie suonerie: avvisi calendario, messaggi, sveglie
  • Copiato le Note, inviato le note sul primo pre come Invio nota semplice su mail, e fatto copia e incolla :->

Unica cosa: non sono riuscito a ricopiare gli SMS (il Profilo Palm li avrebbe recuperati forse), ma meglio ripartire dall'inizio.

 
Di Alex (del 15/12/2009 @ 08:53:26 in Informatica, linkato 969 volte)

Dopo alcuni giorni (direi ore) di utilizzo facciamo il punto:

  1. il Palm Pre si dimostra comodissimo per il trasporto e l'utilizzo, è molto più leggero ed ergonomico dell'Iphone;
  2. le patch e i plugin disponibili on web sono quasi tutti in fase beta, ad esempio il "Quick System Tasks" una volta utilizzato blocca le funzioni come il gps e il wifi non abilitandole realmente, in generale non funzionano e occorre riavviare il Palm, meglio aspettare ad installarle
  3. lo Sprint Navigation è molto interessante, consente la guida vocale (Google Maps no), ma anche se possiede i riferimenti italiani NON possiede mappe italiane: ASSURDO!
  4.  il Classic (emulatore Palm OS) è veramente grande, e vi avviso che TomTom unitamente a UDMH che gestisce al memoria dinamica, funziona a meraviglia: PECCATO che il classic si interfacci solo con il network del PalmPre e non con il bluetooth (per usare una antenna GPS esterna) o meglio con il GPS interno! CHIEDO A GRAN VOCE QUESTE FUNZIONI IL CHE AIUTEREBBE LA MANCANZA ENDEMICA DI SOFTWARE DEL Palm Pre!
  5. Manca un player di video divx, però con un buon convertitore (a prezzo basso consiglio per la vgelocità GOM Encoder, oppure ne esiste uno apposta per PalmPre free con pubblicità annessa) funziona a meraviglia.

Dopo alcuni test di utilizzo si evidenziano tre elementi:

  • la BATTERIA risulta molto buona se utilizzata solo per voce e standby e utilizzo per palmare, dopo 15 ore di standby di cui mezzora di telefonate e un'ora di utilizzo palmare la batteria rimane al di sopra del 60%; invece l'utilizzo del GPS, del wifi e della rete dati riducono velocemente l'autonomia, tra l'altro l'Iphone 3G non è dissimile, senza servizi aggiunti tiene bene un giorno e mezzo senza ricarica, con wifi e rete dati decade velocemente, se si utilizza un programma di navogazione gps la batteria dura a mala pena un paio d'ore!
  • molto fastidioso il passo indietro della Palm sull'interfaccia di utilizzo: il touch quando deve agire su spazi piccoli come il menù in alto a sinistra è fastidiossimo, MANCA MOLTO LA POSSIBILITA' DI AVVIARE FUNZIONI DI MENU' E APPLICAZIONI CON SHORTUCUT (SCORCIATOIE) DA TASTIERA, visto che il Palm Pre possiede la tastiera fisica usiamola! Ad esempio era comodissimo, sul Treo680, cancellare le selezioni con il tasto backspace, comodo avviare un elenco di appplicazioni con 1button premendo solo uno dei tasti di funzione, comodo navigare gli ebook con i tasti del volume, associare le funzioni alla combinazione di tasti, aprire il menu' velocemnete con il tasti appposito e muoversi nelle voci singole con il tasto di navigazione... PARADOSSALMENTE E' MOLTO PEGGIO ORA CON IL MULTITOUCH

 UNA NOTA: QUANDO IL Palm Pre VA IN FREEZE, COME SPESSO ACCADE UTILIZZANDO L'EMULATORE PALMOS (DECISAMENTE POCO UTILE), OPPURE NON RISPONDE PIU' AI COMANDI O L'ATTIVAZIONE DELLE POERIFERICHE FALLISCE, PER RIAVVIARE TOGLIETE E RIMETTETE SEMPLICEMENTE LA BATTERIA COME SI FACEVA CON IL TREO 680.

 
Di Alex (del 21/04/2011 @ 08:46:47 in Informatica, linkato 2054 volte)

Finalmente posso confrontare i due bestioni della Apple e l'utimo uscito, ma purtroppo già vecchio precocemente, della HP-Palm.

Iphone 4

Stiamo parlando dell'Iphone 3gs e dell'Iphone 4 (o 4g) e del Pre2.

Partiamo dalla Forma, che dire dell'Iphone 4:
è scomodo, grosso, pesante, poco adatto alla mano, sfuggente, e non piacevole al tatto. Inoltre visivamente è sempre un bel prodotto, ma le forme curve sono il meglio per lo stile.
Il suo fratello minore 3gs era molto  meglio: più leggero, comodo alla presa, più sottile, adattabile alle tasche, più elegante.
Tra l'altro che dire del prezzo tra i 500 e i 700€ a cui non puoi fare a meno di aggiungere dai 5 a 20 € di custodia bump o dump o che dire si voglia di slicone, altrimenti si riga sotto, non si può appoggiare, non telefona e sfugge come un'anguilla... La solita fregatura apple dell'oggetto Cool che pretende altrettanti gadget di utilizzo cool e quindi costossimi.

Certo come telefono, il 4, ha dei sensori stupendi, una velocità fenomenale, una grande fotocamera: per ora ho visto cose simili solo sulla Nokia, il Pre non riesce a fare cose decenti, persino la camera del 3G era molto migliore del 5mpx del Pre2 come nitidezza e dettagli delle immagini!
Il retina-display è veramente eccezionale, si vede come sullo schermo del pc! 
Molto fastidiose le notifiche dell'iOs 4 che bloccano l'utilizzo dei programmi e devono essere rimosse, meglio quelle Androdid sulla barra o, ancora meglio, le stupende del Webos che si accumulano sul fondo, si possono togliere in blocco e si guardano quando si vuole!
Certo rimane diasastroso il multitasking dell'Iphone che alla fine è solo un parcheggio e spesso necessita comunqe del riavvio dell'applicazione!

4 pre 2



Che dire invece dell'attuale punta d'attacco della Palm: il Pre2, in confronto certo la maeggevolezza dei sassolini Pre e PrePlus era ottima, con la scocca dietro in gomma non cade neppure con la Bora a 1000, inoltre la dimensione che stà esattamente nella mano è fantastica, anche per tenere i Pre nei vecchi portacellulari e nelle tasche (anche dei jeans).

Certo non è confrontabile con l'Iphone 4, forse si può considerare a livello del 3Gs, come velocità, schermo, fotocamera.
La dimensione è più squadrata e risulta meno sottile dei predecessori, però il suo schermo piatto migliora la visibilità, ed in ogni caso il peso e la maneggevolezza son certo miglliri del quadrello Iphone4.

Credo comunque che, pur essendo l'Iphone 4 un prodotto raffinatissmo, potente e cool, spesso sia sottoutilizzato e quasi imposto per moda, quindi in maniera aberrante, quando il nostro sassolino Pre è comodo, leggero, più piccolo (pipccolo) e soprattutto costa molto, ma molto meno dei mostri Apple.§

Se la HP riuscirà a distruibuire bene Pre3, ad aprire il catalogo online ed a renderlo appetibile alle grandi marche di software senza rinunciare alla grande possibilità degli homebrew, tra non molto non sarà Windows mobile (visti i precedenti mi fido poco della stabilità e delle performance) o Android (piccolo e potenziamente buono, ma molto basso come livello di potenza) a mettere in difficoltà la Apple, ma il nostre Pre!

Buzz player
Finalmente un player video cher non ha bisogno del server sul pc, è assurdo che con la potenza dei processori di ora si debba avere il pc acceso per accedere e visualizzare i file in rete (io ho una rete wifi con 2 lacie lan per cui vorrei accedere ai video anche senza pc acceso!).
Con BuzzPlayer possiamo navigare le cartelle locali ma anche le acrtelle di rete e visualizzare direttamente i file video, tra l'altro non solo mp4, eddai con tutti i diivx possibile che la Apple (ma anche la Palm) accetti di default solo i formati Quicktime!?
Meno male! Peccato che nulla esiste di simile a iFile della Cydia per navigare le cartelle interne, considerando che mole App mettono i file condivisi con iTunes nelle cartelle di installazione  e non, come fa il Pre, nella cartella media/internal accessibile, è stupido non poter condividere i file tra le varie applicazioni!Il WebOs dispone del KynomaPlayer della Kalemsoft, devo dire che per fortuna qlcune case di software intelligenti stanno permettendo l'acquisto delle loro app da web in modo da baypassare il blocco all'acquisto del catalogo Webos, che continuo a diresia uno dei motivi del fallimento del Pre, quindi cone quasi 3 euro la Kalemsoft permette di acquistare il server (qui occorre ancora) per pc e l'ottima app per Pre che consente però anche la navigazione delle cartelle interne (cosa sssurdamente non possible con l'Iphone) e l'avvio dei file mpg, avi e divx scaricati sul nostro Pre.

App cazzate
Ho visto la notizia di un padre americano che ha fatto causa alla Apple perchè i filgi minorenni acquistavano app e upgrade su iTunes troppo facilmente: che stupidaggine! Ci sarebbe da fare causa al padre perchè ha dato ai figli la password dell'account a cu è associata la carta di credito, che squinternati!
Però è vero che pullulano su Itunes App cazzate mascherate da app geniali che fregano i soldi promettendo finte funzionalità... Sarebbe meglio che la APple accettasse software come Styletap per avere PalmOs su iOs o Vlc e Opera, invece di App truffe.

 
Di Alex (del 04/09/2010 @ 08:33:08 in Informatica, linkato 1998 volte)

Il Palm Pixi, rispetto al suo fratello maggiore Palm Pre, si presenta subito con caratteristiche specifiche.

Il Palm Pre ha una forma accatttivante, comoda ed ergonomica con lo slider a scivolata, però il materiale di plastica lucida che lo compone non trasmette solidità (come invece la scocca dell'Iphone) anche se questa caratteristica lo rende estremamente leggero e maneggevole.

PixiPlus 

Il Palm Pixi Plus cattura subito per la scocca che ricopre il telefono vero e proprio, in gomma, il che lo rende molto comodo, anche in vista del fatto che risulta molto piccolo e sottile, data la leggerezza se fosse scivoloso sarebbe davvero un problema!
I tasti direttamente disponibili sotto lo schermo luminosissimo sono ovali ed in gomma trasparente rialzata, devo dire molto comodi anche se un po' vicini l'uno all'altro.
Abituato al Palm Pre (non al Plus), devo dire che la velocità di risposta delle applicazioni è ottima, e l'area gestionale, che caratterizza tutti i nuovi prodotti della Palm, una striscia nera che recepisce i colpi o le scivolate delle dita per realizzare il torna indietro, e la messa in attesa delle applicazioni per il passaggio alle schede del multitasking, risulta ancora più comoda senza pulsanti e con il led a striscia orizzontale.

Confronto Pixi-Pre

Dopo qualche ora di utilizzo devo dire che il Pixi non ingombra, sta davvero dappertutto, quasi anche nel portafoglio..., ha una ergonomicità del tutto differente dal sassolino Pre grosso come il palmo di una mano e dal monolite Iphone, è comodo come un Nokia, ma appena più largo per poter accedere comodamente al multitouch, accettabilmente gestibile anche se lo schermo è il più piccolo di tutti. I tasti sono decisamente piacevoli e comodi, mentre il bordo dello slider del Pre infastidisce un po' l'accesso.
Anche se il processore non può eguagliare gli altri due (Pre e Iphone), e nemmeno quindi le prestazioni, considerando il prezzo (sui 200€ e anche meno) e le potenzialità del Webos (multitasking vero a schede, sincronizzazione con tutti i vari sistemi web come google account o facebook, wifi, umts, gps, html5, googlemaps, aggiornamenti e applicazioni on air ossia senza collegarsi al pc...), tutte disponibili, a parte solo alcuni software e giochi 3d (però gli ultimi prodotti 3d sono veramente godibili anche su Pixi), il Pixi Plus è un ottimo prodotto, piccolo, leggero, veloce quel tanto che occorre, con 8Gb di storage e la tastiera molto comoda, credo che sia davvero una buona idea della Palm.

Insomma un ottima versione del Palm Pre, piccola, leggera, sottile, comoda e veramente piacevole.
Certo senza il Wifi della versione non-plus ci sarebbe stata una grave mancanza.
Il prezzo decisamente abbordabile, la comodità e la qualità del prodotto ne fanno un ottimo strumento, da non perdere.

Con l'aggiunta di Preware, il software che installa i programmi della comunità privata accettata ed aiutata dalla Palm, a differenza delle altre case produttrici di smartphone, si dispone di moltissimi applicativi, siamo inattesa però dello sbarco ufficiale della Palm in Italia, onde poter accedere anche alle applicazioni a pagamento del catalogo WebOs.

 
Di Alex (del 26/09/2010 @ 08:24:27 in Informatica, linkato 1749 volte)

Iphone

Perchè la Apple si rifiuta di abilitare con l'aggiornamento del suo iOS 1,4, la funzione sfondo e multitasking (devo dire un po' poverella al confronto con quella Palm, il più delle volte ci impiega come ad aprire l'applicazione da zero e spesso si scorda i dati ultimi) sull'Iphone 3G?

Se consideriamo che la versione dell'OS jailbreakkata abilita queste funzioni con buon successo sul terminale 3G, allora si evince che la Apple (come la becera Microsoft che ora sviluppa tutto non per XP per costringere gli utenti ad abbandonarlo vistoil flop di Windows Vista e 7, ma questo è un classico di Windows), spinge gli utenti beceramente ad abbandonare gli Iphone vecchi per i nuovi...

Il nuovo Itunes poi è di una lentezza esasperante! quasi inutilizzabile.

Certo la tendenza di Apple sta cambiando e ora accetta nel suo catalogo varie applicazioni prima bloccate, ma l'iOS è lungi dall'essere aperto.

Treo Collection

Palm - HP allora, come fate a lasciare un così leale utente senza Palm Pre in Italia?!
Palm - HP how You can leave a loyal user without Palm Pre in Italy?!

Collection

Mancano il palm m100, il Treo 180 ed il Treo 600 che ho venduto!

Palm Pre Plus

Ecco finalmente il Palm Pre Plus, ora possiedo l'intera collezione (a parte il Pixi base):

Palm Pre Plus

Il telefono si presenta molto simile al Palm Pre base, a parte il tasto/led che è sostituito da un'area tattile con un led a fessura non visibile quando spento.

Certo è 16gb di memoria e la memoria ram per l'avvio delle applicazioni migliorata, fanno la vera differenza interna.

La tastiera è la stessa (purtroppo mi devo accontentare negli ultimi acquisti della qwertz e di alcuni simboli tedeschi, unico luogo dove poter acquistare telefoni unlocked per noi Italiani).

La batteria è sempre la BP1 da circa 1150mAh credo,
accettabile se si spengono tutti i servizi non utili, utilizzando:
"battery saver" che spegne ed accende il telefono (con la modalità aereo) ad orari predefiniti
i Toggle per accendere e spegnere il GPS e il 3G,
mantenendo il wif operativo solo se necessario,
e tenendo la luminosità bassina, in modo da arrivare a circa due giorni di utilizzo senza ricarica.

Ma ecco la novità.

PPP cover

La cover è, come quella del Pixi plus, non più in plastica lucida, ma in gomma prensile e possiede già il sistema per touchstone (la carica per induzione ad appoggio, "invenzione" della Palm).

In quanto alla velocità ho potuto fare poche prove, ma devo dire che il mio Palm Pre pieno di roba sugli 8gb, ma con UberKernel e Govnah che lo overcloccano a 600 ha aperto Battaglia navale (un game in 3d noto anche agli Iphonisti) in 8sec ALLA PARI con il Palm Pre Plus!

In definitiva: il Palm Pre Plus è veramente ottimo (ha battuto l'iphone3gs nei contest online), comodo, con tastiera, un buon schermo ed una grande funzionalità di software e di sistema operativo, la versione Plus poi presenta una maggior quantità di memoria e una maggior spazio del disco (da 8 a 16gb). Direi che risulta uno dei migliori touch in circolazione, solo un po' carente ancora la lista della applicazioni online, ma considerando che il WebOS è l'unico veramente libero e che la Palm-HP supporta i programmatori privati, credo che presto se ne vedranno delle belle, specialmente all'arrivo della versione 2.0 del webos e sperando in una approdo in Italia!

Palm  Pixi Plus

Ecco le foto della parte interna del Pixi (a fianco il Palm Pre).





Notiamo come la tastiera del Pixi Plus spicchi maggiormente sul piano del telefono e i tasti arrotondati ed in gomma, rendano comodo l'accesso.

Ed ecco invece alcune caratteristiche interessanti, a parte la sottigliezza del palmare, si nota, nella scocca di gomma, sulla sinistra, lo sportellino arrotondato da aprire per connettere la microusb, molto comodo rispetto alla baionetta dell'Iphone che si riempie di polvere e altro, e allo sportellino in plastica dura del Palm Pre, che mi si è già rotto dopo nove mesi di utilizzo. In questo caso lo sportello fa parte della scocca e si apre a pressione, pulito, molto chiuso e resistente, frose un po' troppo per cui occorre fare forza per poter infilare il cavetto...

Inoltre i due tasti del volume e il pulsantino per il passaggio al silenzione/vibrato, invenzione del Treo della Palm, poi copiato da molti altri, ma che ora è copiato dall'Iphone come forma.

Notiamo qui la scocca in materiale gommoso molto aderente, il microfono a destra in basso, il scondo elemento copiato, se si può dire, dall'Iphone, cioè i due altoparlanti stereo, il che mi dice che se il Palm Pre possiede una sola "cassa", allora forse la sua qualità musicale non è come quella del Pixi Plus (dell'N71 della nokia, dell'Iphone...) che possiede invece due casse stereo, elemento poco notato in giro, inoltre alla prova in effetti il suono sembra migliore nel Pixi.
Infine ecco la fotocamera ed il led del flash, così utile con l'app Led Torch che lo accende a grande potenza, tanto da illuminare alcuni metri molto efficacemente.

Ed ecco qui i cellulari Palm Pre e Pixi Plus "nudi", si noti che la batteria è la stessa: BP1 e che in tutti imodelli Palm, dalla notte dei tempi, è sostituibile (io ho anche la versione potenziata per Treo 650 680 e Palm Pre, quasi una settimana di carica senza problemi!), inoltre mentre la scocca del Palm Pre è di plastica nera lucida, la quale non dà molto la sensazione di tenuta, quella del pixi ricopre il retro ed i fianchi del cellulare in toto, come una barchetta, e trasmette un'ottima senzazione di precisione, ergonomicità, sicurezza.

In ultimo, in considerazione di Peter Skillman che è passato da Palm a Nokia, e dice che il cellulare Pixi è ottimo, ma il nome è da gay: possiamo rispondere che il nome PIXI sembra arrivare proprio dalla Svezia (patria del Nokia), e richiama una creatura dell'immaginario celtico della Cornovaglia in Inghilterra, quindi nulla di male invece, anzi un nome simpatico, e spero che essendo un folletto gliela faccia vedere a questo Peter rovinandogli le giornate con i suoi tiri.

 
Di Alex (del 09/03/2011 @ 08:02:51 in Informatica, linkato 1439 volte)
Volendo dunque fare un po' di prove Tra i tre hardware e le tre versioni del sistema ecco i risultati.

Ho messo a confronto:
  • Palm Pre Plus con Webos 1.4.5 e Uberkernel che overclocca a 800Mhz il processore
  • Palm Pre Plus con Webos 2.1.0 (mi sembra ovvio che il processore venga comunque potenziato dal nuovo sistema)
  • Palm Pre 2 con Webos 2.0.1 e il suo processore a 1 Ghz
Nella prova su web devo dire che è confermata la capacità (alternativa alla navigazione, ossia o l'una o l'altra) di avviare Flash 10 su Pre 2, mentre questa possibilità manca sui due Plus, nonostante il sistema più avanzato del 2.1.0.
Inoltre non sembra che la navigazione risulti però molto diversa come velocità tra i tre telefoni.


Rispetto all'avvio della applicazioni ho fatto due tentativi su Angry Birds Season e Monopoly:
Si nota che il Pre 2 e il Pre Plus con Webos 2.x sono molto simili, mentre il Plus con 1.4.5 a 800mhz è appena dietro, ma non di molto.
 
Di Alex (del 22/03/2010 @ 07:47:57 in Informatica, linkato 953 volte)

Se la contesa oramai è tra quattro produttori e webos, ossia Android di Google, Iphone di Apple, WindowsM di Microsoft e Webos-PalmPre di Palm, rimane il fatto che per ora l'unico che abbia il primato è l'Iphone.

Il sistema è collaudato: un nuovo sistema operativo fatto per smartphone con buoni processori e buona resa grafica, spesso un Os apero che permetta lo sviluppo di applicazioni da parte di tutti i programmatori che lo desiderino, e agganciato a un catalogo online che garantisce l'installazione, l'acquisto e l'aggiornamento di ogni applicazione.

Io devo dire che oramai il Palm Pre è giunto ad un buon livello con la versione Os 1.4.0, è stabile, si collega al gps, al wifi e al 3g molto velocemente senza più problemi, e l'utilizzo è comodo ed efficace.

Rimane il fatto che manca un softwrae di navigazione gps con mappe offline, un software di gestione dei documenti office e unh sistema di sincronizzazione accettabile.
Inoltre sono, qui in Italia, ancora costretto ad utilizzare un finto sistema Sprint, anche ho una sim Wind. Il fatto che sia in inglese non è un problema, ma tuttora è inibito l'accesso completo al catalogo online e manca una localizzazione dei programmi.

Io credo che il Palm Pre possa davvero essere il miglior smartphone multitouch e multitask prodotto finora.

Nel tempo credo che questo verrà fuori, e se finalmente verrà venduto in tutti i paesi e localizzato a dovere e affiancatro dagli sviluppatori che finora avevano fatto grande il Treo (Dataviz, Resco...) diverrà un ottimo strumento!

 
Di Alex (del 30/10/2010 @ 07:07:56 in Informatica, linkato 879 volte)

Dunque,

il Palm Pre 2 sembra inseguire abbastanza l'Iphone, considerando alcuni dettagli come la fotocamera a 5Mpx, l'altoparlatino e lo schermo piatto, vero è però che si è mantenuta la coerenza con il progetto Palm (HP), ossia slide e tastiera, forma a sassolino molto ergonomica e decisamente più gestibile dell'Iphone che diventa sempre più grosso.

Certo le vere novità sono: la scocca di materiale gommoso, senza sportellini ed avvolgente, la fotocamera a 5mpx, lo schermo piatto, il processore a 1ghz, il webos 2.0, che però si spera arrivi anche sui vecchi modelli poi.

Certo non sono modifiche stratosferiche, e credo che il reale successo sarà dovuto a tre fattori: pubblicità, diffusione davvero planetaria, App decisamente migliorate ed in buona quanità.

Purtroppo se entro Natale le cose non cambiano, non credo che la diffusione sarà iun tutti i paesi Italia compresa, per la pubblicità si vedrà, per le App credo che ci vorrà un po' dal lancio della nuova versione dell'Os, ma se entro qualche mese non si hanno le possibilità dell'Iphone e dell'Android, ti saluto Rosina...

 
Di Alex (del 01/11/2011 @ 07:00:00 in Help Informatico, linkato 1260 volte)

Premeso che occorrerebbe denunciare le case produttrici che fanno pagare 200/300/700€! un telefono (più di un milione di lire!) e poi non garantiscono lo sviluppo dello stesso.

  • Quindi LG che produce un telefono come l'Optimus Dual (o 2x), potentissimo, ma con delle pecche hardware per cui non si riesce ad utilizarlo, e promette all'uscita un aggiornamento che non arriva.
  • HP che compra una ditta (Palm), produce telefoni di alto livello e con un ottimo software, ma poi ne dismette la produzione non garantendo più quello che aveva promesso (gestore di testi, soluzione de bug, ampliamento della vendita e del market...)
  • ma anche HTC e compagni che producono telefoni sui 200€ però non dicono da nessuna parte che sono limitatissimi e non si possono installare più di 5 applicazioni e neanche un software pesante o si blocca tutto

La presa in giro: nel Market Google quando scarico, dopo l'acquisto, un software grosso, come un gioco o un navigatore gps mi dice che è compatibile con tutti i miei prodotti: LG Optimus One, LG Optimus Dual e HTC Cha Cha, ha ha che ridere, sui due piccolini riempirebbe la memoria e bloccherebbe tutto, scemi!

Detto questo vediamo alla fine come funziona Android, il quale probabilmente ha delle pecche sue e delle pecche di personalizzazione.

Nell'Optimus dual, ed in generale nei telefoni Android, ci sono 4 caratteristiche fondamentali:

  1. il processore, anche se devo dire che dai 600 Mhz ai 1,2Ghz al dualcore non noto differenze abissali - minimo 800Mhz
  2. la RAM ossia la memoria di lavoro, e qui casaca uno degli asinelli: i 512mb del 2x non valgono un capperino, rimandono 50Mb ogni minuto provocando blocchi a non finire... O è un problema di Android o è un problema di LG, ma ricordo che il Palm Pre aveva 256Mb e al limite non accettava troppe schede multitasking aperte, mica rallentava a dismisura, il Pre Plus e Pre 2 vanno benone con 512Mb e lo stesso dicasi dell'Iphone4 - NON PRENDETE TELEFONI ANDROID, se volete servizi vari attivi, che poi è il bello di Android, CON MENO DI 1GB DI RAM - minimo 1gb
  3. la memoria interna, ossia la memoria di salvataggio dei programmi attivi, anche qui casca il secondo asino, un teleofno con 512mb di RAM, e un buon processore, se ha 200Mb di memoria interna accetterà di aggiungere la massimo 10 applicazioni piccole o 5 grandi, e addio alla personalizzazione di Andoird, che poi è il suo valore! l'HTC accetta pochissime cose, anche perchè la memnoria interna è quella dove vegono salvati gli articoli RSS, le mail etc etc, per fortuna il 2x ne ha circa 1,5gb - minimo 1 / 2gb
  4. la memoria esterna, e qui abbiamo alune stranezze: i piccoli accettano qualsiasi mirco SD fino a 16/32gb, quindi mica male, inoltre con App2SD possiamo spostare parte, dei programmi sulla memoria interna sulla SD, sul 2x invece ci sono circa 5gb interni, ma poi la SD aggiuntiva non può servire per le applicazioni, dolo per i dati e i files, e ci risiamo, dopo uhn po' di giochi di qualità per il Tegra 2 ho meno memoria sulla memoria esterna (non SD) del 2x che sulla interna! Mentre la microSD (esterna anch'essa) da 16gb è vuota! ASSURDO - minimo 8gb di memoria esterna, meglio su SD quindi migliorabile

Quindi la macchina Android accettabile ha (almeno) processore 1Ghz, 1Gb di RAM, 1,5Gb di mem. interna e 8gb di memoria esterna (meglio SD).

Ad oggi credo che solo il Samsung Galaxy s2 abbia il minimo vero: dualcore 1Ghz, ram 1Gb , mem.int. 2gb, mem. esterna 11Gb + microSD!
l'HTC Sensation ha dual core 1,2Ghz, mem. int 1Gb (pochino) e ram 768Mb (pochino)
il Galaxy Nexus dual core 1,2Ghz, mem.int 16/32Gb (evvai, ma noSD), ram 1gb (bene) - qui si deduce che memoria interna ed esterna sono assieme nei 16/32gb partizionati
non parliamo del Dual che avrebbe un ottimo processore da 1Ghz dualcore, buona memoria interna da 1,5gb (2gb - le app base), ma ram 512mb che non vale e la stupidaggine di non poter ujsare la sd come memoria esterna, qundi solo 5gb (6gb - la base)  per l'archiviazione.

AGGIORNAMENTO

Per l'Optimus Dual, sono riuscito ad avere una situazione accettabile, ossia un buon telefono che risponde bene, agendo in questo modo:

1. fare il Root (rootare) con SuperOneClickv2.1.1-ShortFuse, procedura semplice, si mette in debug il telefono (Impostazioni - Applicazioni - Sviluppo - Debug USB), quindi si avvia il programmmino e si testa la funzionalità.

2. comprare sul market Root Explorer per accedere alla cartella fondamentale del sistema (anche File Expert, Es e Astro accedono, ma non fanno vedere davvero tutte le cartelle!)

3. accedere alla cartella (root) system/app dove sono gli .apk di sistema, occorre però toccare solo quelli non fondamentali o si blocca tutto! Prima si trasforma la cartella in r/w, ossia scrivibile, poi: io ho agito su: F-secure, Car Kit e AppAdvisor, li ho copiati sulla SD esterna e tolti, poi riavviato il sistema e ottenuto (tramite ES monitor e il su widget che pulisce la memoria) più di 200Mb liberi; avevo comunque disinstallato vari programmi in più che non mi erano fondamentali, come LG 2x notification per far lampeggiare i tasti, o Mikandi, e anche Widget Locker, ottimo per accedere alla app a schermo bloccato, ma pesantissimo in memoria; tutte cosette che lavoravano in memoria sempre.

4. poi però ho tentato anche questa strada: rimesso gli apk di sistema nella cartella, riavviato e installato Antek Apk Manager, assieme a Android assistant, il primo mi è servito per ossia congelare le app senza toglierle, così il sistema può fare gli aggiornamenti e posso riabilitarle dal telefono se mi servono, il secondo mostra molto chiaramente la memoria e i processi attivi, e ha alcuni strumenti integrati ottimi, come il programma che sceglie quali servizi avviare, quello che sposta le app dalla memoria interna alla esterna, etc., ho freezato queste app e servizi:
Bolle in momimento (uno dei vari sfondi live)
Fuoco d'artificio
Widget Orologio globale
F-secure
LG App Advisor
Kit Auto
doubleTwist (ottimo per sincornizzare i dati Itunes, ma non necessario sempre)
WhatsApp (ottimo per sms via web, ma non sempre attivo!)
Quick Calendar (ottimo per cercare nel calendario)
Sfondi Fumo magico
Città nataliza innevata
Google talk
orologio digitale
orologio analogico
Perfect keyboard
Polaris office (io ho Doc to go su tutto palmOs, Pre (sola lett), Iphone e Android)
Remotecall
Suggerimenti
Specchio
SmartShare
Appstore (amazon, poco necessario)
LG 2x... notifications
Go Contacts (utile per unire i contatti)
Servizi VPN

e così ho 202Mb di memoria, si riempie di più che eliminando le app, ma almeno sono più sicuro che non vada in crash il sistema... In ogni caso clicco sulla icona widget di Es monitor o attendo i 15 min e pulisco... e il terminale funziona senza rallentamenti, così si che va bene!

Però rimane il fatto che dopo 5 buoni software pesanti (soprattutto giochi) e WikiDroid con la Wikipedia italiana completa (1,45gb) la memoria esterna si riempie, e viene utilizzata da quasi tutte le app, (flickr, Photo..., documenti, ho spostato solo le foto della camera e i download di Dolphin browser) quindi il non poter utilizzare (se non spostando manualmente!) la microSD esterna è assurdo!

Tenterò di trovare un Galaxy S2 usato, per arrivare al top, senza limiti e senza preoccupazioni di memorie varie, come su Pre e Iphone. Se tuttova ok, Android è il mio sistema da ora in poi, molto complesso, ma anche molto libero.

 
Di Alex (del 12/12/2009 @ 00:29:45 in Consigli tecnici, linkato 885 volte)

Dunque possiedo finalmente un Palm Pre, ancora non disponibile in Italia.
Direi che subito si evincono alcune differenze tra i due dispositivi.

Il Palm Pre è decisamente più leggero e di dimensioni più comode, questo a scapito dello schermo, che risulta comunque ben utilizzabile.

Vero è che:

  • la qualità audio e video non è inferiore all'Iphone, anche se quest'ultimo evidenzia delle ottime qualità mediatiche tramite il grande schermo e le microcasse stereo;
  • però le funzioni che hanno sempre caratterizzato il Palm sono ancora al primo posto: aggancio alla rete dati molto stabile, con passaggio senza traumi da una situazione ad un'altra (l'Iphone stacca del tutto la connessione con il provider spesso, terribile!!!)
  • il GPS funziona a velocità incredibile (molto più veloce della trinagolazione Iphone) e funziona senza problemi, e anche in condizioni di grande difficoltà (muri spessi e di sasso), tranne ogni tanto, se in difficoltà, sbagliare del tutto la città :->, ma questo appunto facendo tentativi da un buco! Manca però un software con Mappe offilne.
  • la taestiera non è male, ma è piccola, si sente l'esigenza di averne anche una virtuale in modo da non dover aprire il flip.
  • il sistema di chiusura delle applicazioni è ottimo, un po' meno la navigazione dei menù.
  • risulta però evidentissimo un grosso GAP di software, mancano strumenti basliari come un software di Sync, e molti programmi, è eveidente che Palm ha tentato il tutto per tutto per salvare la situazione economica, e per fare questo ha dovuto sacvrificare la dotazione software, cercando di supplicre con l'emulatore di Palm Os, bello e funzionale, ma non abbastanza...
  • in ultimo il Palm è accessibile in toto come disco, può cancellare dal dispositivo e risulta veloce nel multitasking che manca invero nell'Iphone.

 

 

Ricerca fotografie per Palm Pre

Nessuna fotografia trovata.
 Email

 SITO PROFESSIONALE

 FORUM INFORMATICO

 PROGRAMMI ASP FREE

Articoli sul Palm/HP Pre  e WebOs  e PrePlus  e Pre2

Articoli sull'Iphone

Articoli su Android

 Guide informatiche


Cerca per parola chiave
 






< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Architettura (4)
Arte (6)
Consigli tecnici (26)
dBlog (3)
Help Informatico (29)
Informatica (55)
Molly (2)
Poesie (4)
Politica (42)
Programmazione (1)
Racconti (6)
Società (115)


Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
youngLauri
17/11/2018 @ 20:28:32
Di Arlene
TarenJuicy
26/10/2018 @ 06:13:29
Di Isabelle
BestKarolin
26/10/2018 @ 03:59:00
Di Jeana
Muka Cantik Di Keret...
14/08/2018 @ 00:03:43
Di Delilah
h**p:*/ammarabeautyo...
12/08/2018 @ 05:51:10
Di Rafaela

Titolo
Vecchia Homepage di Pegaso2 (saggi, informatica, artisti)
Saggi sul 1600 (cronologia, erotismo, storia)
(Augusto Orsini, opere)
(artisti incontrati sulla mia strada)
Blog di Luca Lodi (cultura, società e politica)
Beppe Grillo (qualcuno c'è che ci pensa)
Jacopo Fo (se si vuole essere spinti a pensare)
Nando Dalla Chiesa (la politica interessante e sincera)
SaggezzaFolle (Marco Valli e la ricerca di ognuno di noi)
Blog Zibibì (Le vignette e le frasi sarcastiche di Zibibì)
Il mio canale YOUTUBE
Le mie foto su FLICKR
Il mio profilo LinkedIn
dBlog.it Open Source

Titolo
Architettura (4)
Bianco e nero (1)
Header (5)
Paesaggi (3)
Varie (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Cosa vorresti in questo Blog?

 Più aiuti informatici
 Più post di politica
 Più recensioni di hardware
 Più commenti
 Più colore
 Più foto
 Testi più chiari
 Più accessi
 Dei file per il download
 Un nome diverso

Titolo



Previsioni Meteo


Google

Ci sono  persone collegate

18/11/2018 @ 22:04:01
script eseguito in 818 ms


Valid XHTML 1.0 / CSS

Condividi su Facebook

Pegaso2 blog

Zibibi Blog



Telejato

Peppino Impastato



Free Blogger

Profilo Facebook di Alessandro Mazzoli